Geolocalizzazione

Se lo desideri puoi concedere il consenso alla localizzazione per visualizzare notizie e spettacoli della tua provincia.

Oppure puoi selezionare manualmente la tua provincia:

SKIANTO

Skianto di Timi: monologo surreale dai contenuti profondi

Recensione:
Filippo Timi

Dopo 5 anni, Skianto di Filippo Timi ritorna in scena e diventa fonte di ispirazione per lo show di prima serata condotto da Timi stesso su Raitre.

Una favola molto pop, stile anni ‘80

Un burattino con pigiama spaziale e calzini gialli che piroetta, pedala e si adagia su una cyclette racconta con vivacità espressiva la sua nascita, dall’”abbraccio azzittisce il mondo” tra le cellule riproduttive e la sua crescita, nonostante le difficoltà del suo handicap che lo fa sentire chiuso, murato sia dentro sia fuori. Persino il ricovero in ospedale diventa un’occasione per uscire dalla propria casa.

Eppure il monologo di Timi si trasforma in una favola surreale, dai toni pop e con richiami diretti agli anni ’80: dalle trasmissioni televisive, all’allestimento scenico con sfere stroboscopiche, alle canzoni riadattate dallo stesso Timi e cantate con il musicista Salvatore Langella, al racconto divertente ed esilarante del cartone animato Candy Candy.

Le difficoltà interiori e fisiche del protagonista, vissute direttamente da Timi tramite la frequentazione della cugina affetta da un grave handicap, si focalizzano sugli sforzi di esternalizzare le proprie emozioni, pensieri, desideri, una frustrazione interiore che si trasmette al pubblico e diventa centrale della scena silenziosa in cui l’attore, piegato sulla schiena, mima i versi e lo sforzo di comunicare agli altri il suo vissuto.

Leggerezza e spontaneità per raccontare il dolore della disabilità

La regia è sincopata, cala il sipario con intervalli di proiezione video, spesso presi dalla rete, come la pubblicità del Panda o le scene dei gattini, a volte gli intermezzi risultano spezzare il ritmo incalzante del monologo e distogliere l’attenzione dalla dimensione empatica a quella di semplice spettatore.

Il protagonista però quando ritorna in scena si inserisce con leggerezza e spontaneità nella narrazione spezzata, con linguaggio che mescola dialetto umbro-toscano a battute più popolaresche, spesso carico di immagini buffe e surreali, nonostante la drammaticità del soggetto del racconto.

E così dal pigiama spaziale si passa ai travestimenti da fatina, Biancaneve, cavallino rosa e agli abiti sgargianti da show televisivi della Carrà o di Heather Parisi. Il mondo interiore rimane un rebus da risolvere, il famoso mondo che anche Pirandello diceva fatto di parole incomunicabili, Timi però immagina la vita una realtà variopinta, un cartone animato che si riaccende dopo l’ultima puntata in cui si è lasciati in sospeso, perché l’immaginazione crea e talvolta il pensiero diventa concreto.

 

Visto il 03/12/2019
al teatro Duse di Bologna (BO)

Skianto
Prosa
Informazioni principali
Regia
Filippo Timi
Protagonista
Filippo Timi

Daniela Camarda

  Redattore

Il teatro è poesia che esce da un libro per farsi umana. (Federico Garcia Lorca) Storie, parole e immagini, nasce così la mia passione per l...

>> continua