Geolocalizzazione

Se lo desideri puoi concedere il consenso alla localizzazione per visualizzare notizie e spettacoli della tua provincia.

Oppure puoi selezionare manualmente la tua provincia:

SCENE DA UN MATRIMONIO

Quando la coppia scoppia... ma non troppo!

Recensione:

Con Scene da un matrimonio, Federica Di Martino e Daniele Pecci, due dei più bravi attori italiani, diretti da Alessandro D'Alatri, uno dei più apprezzati e completi registi italiani (di cinema, pubblicità e teatro), hanno entusiasmato il folto pubblico del Ridotto del Teatro Comunale.

100 anni fa si usava trasporre cinematograficamente le opere teatrali; in questo caso  è stato fatto il contrario: dal film di Bergman del 1973 è stato ricavato questo spettacolo. Ciò non toglie che anche chi non è a conoscenza del diretto ascendente di questa pièce, ne rimane estasiato. Oltre alla trama, l'origine filmica dello spettacolo è stata ricordata anche da un altro aspetto: la proiezione sullo sfondo dei numeri delle scene e dell'"ambiente", cioè il luogo in cui si personaggi si trovavano, proprio come sui copioni cinematografici e proprio come si usava con le didascalie dei film di un secolo fa.

Ogni cambio scena è stato accompagnato da delle deliziose melodie suonate con la chitarra acustica.

La scenografia era bella: piuttosto stilizzata ed espressionista, ma senza essere perturbante. Sul fondo, un lungo filare di teli bianchi pendeva dal soffitto, con delle aggiunte lungo le quinte che, ad ogni cambio di scena, opportunamente mosse a coprire o svelare un tavolo o un letto (bianchi anche loro), una finestra o una credenza, facevano cambiare identità al luogo: una stanza da letto della casa di città piuttosto che di quella della casa di campagna o una stanza d'ospedale, lo studio di Giovanni piuttosto che una stanza d'albergo.

Il colore di tutto (tranne che dei vestiti dei due personaggi) era il bianco, colore del candore e della sincerità. Quest'ultima parola è uno dei temi portanti della relazione tra Giovanni e Marianna, quella che ripetono, ma che non conoscono. Pur essendo sposati ed avendo due figlie, non hanno una vita propria e frequentano persone delle quali, invece, farebbero volentieri a meno (a cominciare dalle mamme). C'è qualcosa, infatti, che non li convince; daltronde "La mancanza di problemi è di per se un problema".
Giovanni, bello, cinico ed egoista, sembra non farci caso, ma Marianna sì. Tutto va avanti finchè il bel quarantenne non la tradisce con una ventenne. Marianna è delusa, ma è talmente abituata a fare la brava mamma (nonostante sia un avvocato) che finisce per accettare il fatto che lui l'abbandoni.

Poi la storia si ribalta. Giovanni, ormai soggetto ad una vita poco consona al suo status sociale, dopo un anno, torna da Marianna. Alla fine è lei che comanda e che è diventata cinica come lo era stato lui; infatti nel presentargli gli atti del divorzio, lo seduce per poi rifiutare la riconciliazione. Il bello e affascinante Danile Pecci è stato letteralmente denudato davanti al folto pubblico femminile accorso ad assistere allo spettacolo e che, evidentemente, ha invidiato Federica Di Martino ed i suoi spasimi.

Il cerchio si chiude e la storia tra Giovanni e Marianna riparte. Sotto i riflettori rossi ci sono le offese che si rivolgono l'un l'altro in preda più alla gelosia amorosa che non alla vendetta. Sotto i riflettori blu, invece, nella stanza d'albergo, abbiamo la sorpresa: entrambi si sono sposati e sono diventati amanti!

Il ritmo veloce è stato uno dei punti di forza dello spettacolo: il rapido cambiare degli eventi e con esso il passare del tempo, i conseguenti cambi di scena accompagnati frequentemente da cambi d'abito dei personaggi ed infine i veloci scambi di opinioni e di battute hanno caratterizzato in maniera frizzante questa pièce. 

Il pubblico era composto sia di donne che di uomini, ma è stata la componente femminile a far sentire la sua voce durante le due ore di spettacolo, non solo ridendo a crepapelle, ma anche ripetendo, quasi per inerzia e sicuramente per la tipica empatia e commozione femminile nei confronti delle storie d'amore, le battute dette dai personaggi.
La pièce, infatti, è stata a dir poco completa: divertente e sentimentale, ma anche commovente; quindi toccante in ogni senso.

Questa nuova produzione del Teatro Stabile d'Abruzzo, è stata un vero successo: le due serate di replica previste dal cartellone non sono bastate a colmare la curiosità e la fiducia che il pubblico aquilano riversa sul TSA; infatti i biglietti sono andati presto esauriti e si è dovuta organizzare una terza replica.

Lo spettacolo è da vedere e rivedere. Lo consiglio a chi ama le storie d'amore a lieto fine, ma anche a chi preferisce le commedie e i bravi attori.

 

Visto il 14/01/2011
al teatro Comunale - Ridotto di L'Aquila (AQ)

Scene da un matrimonio
Prosa
Informazioni principali
Regia
Alessandro D'Alatri
Protagonista
---

Annalisa Ciuffetelli

  EX-REDATTORE di DELL'AQUILA

Ha conseguito due lauree magistrali: "Lingue e letterature straniere - indirizzo: storico-culturale" (2004) e "Storia dell'arte e del teatro" (L....

>> continua