Geolocalizzazione

Se lo desideri puoi visualizzare notizie e spettacoli della tua provincia.

ROMéO ET JULIETTE

Vittorio Grigolo e Lorenzo Viotti protagonisti di Roméo et Juliette alla Scala

Recensione:
Roméo et Juliette

Nato per il palcoscenico della Felsenreitschule di Salisburgo e successivamente adottato dal Metropolitan di New York, il Roméo et Juliette di Charles Gounod firmato da Bartlett Sher è tornato sul palcoscenico del Teatro alla Scala dopo il suo debutto milanese nel 2011. Si tratta di un allestimento favolistico, idealizzato, ambientato in un ’700 che strizza più l’occhio a Casanova e Goldoni che a Shakespeare.

Carnevale a Verona

La scena fissa, che rappresenta un imponente palazzo progettato da Michael Yeargan, e gli sfarzosi costumi di Catherine Zuber rimandano ad una Verona del XVIII secolo popolata da maschere ed immersa in un’atmosfera da carnevale veneziano. Pochi elementi scenici, quali un altare ed un crocifisso nella scena di Frère Laurent o alcune tombe nel finale, aiutano a connotare i vari ambienti.
Dal punto di vista interpretativo Roméo appare come un giovane irruento e spavaldo mentre Giulietta, da ragazzina spensierata, si trasforma progressivamente in donna matura e consapevole.

Anche gli altri personaggi risultano adeguatamente sbozzati, pur rimanendo sullo sfondo. Si tratta comunque di un allestimento abbastanza convenzionale, che ha però il pregio di accompagnare in maniera efficace e visivamente accattivante la partitura. Non mancano infatti alcuni momenti suggestivi quali la scena del mercato, sovrastata da un telo bianco che cade sui contendenti durante il duello, o le coreografiche scene della festa del primo atto.

Voci ed atmosfere

Vero motivo d’interesse di questo allestimento è tuttavia l’aspetto musicale che vede in Vittorio Grigolo un Roméo di riferimento e in Lorenzo Viotti un concertatore attento e raffinato.
Il tenore toscano si distingue per il timbro morbido ed omogeneo, grazie al quale il suo fraseggio risulta ricco di colori ed espressività. Se gli acuti non sono sempre squillanti, i suoi pianissimi e le sue mezzevoci sono da manuale nel disegnare un Roméo sì spavaldo e guascone, ma, allo stesso tempo, appassionato ed innamorato, lirico e malinconico.

Al suo fianco Diana Damrau è una Juliette che cresce di atto in atto. Se all’inizio appare un po’ titubante, nel prosieguo si fa sempre più sicura e protagonista. Le coloriture forse non hanno più lo smalto di un tempo ma la linea di canto è sempre solida ed il fraseggio si conferma quello di una grande artista. Ambedue i protagonisti tratteggiano due personaggi complessi ed articolati, arricchendoli di preziose sfumature.

Mattia Olivieri è un energico Mercuzio che si disimpegna nell’aria della Regina Mab. Nicolas Testè è un eccellente Frère Laurent dalla voce calda e raffinatissimo nel fraseggio, come di gran classe è anche la Gertrude di Sara Mingardo. Marina Viotti è uno Stéphano dalla voce limpida e ben proiettata e rimarchevoli risultano anche le prove di Frédéric Caton (Capulet) e Ruzil Gatin (Tybalt).

Al suo debutto scaligero Lorenzo Viotti si rivela direttore di grande interesse. La sua lettura accentua la componente romantica dell’opera, arricchendola di colori e screziature ma tenendo sempre saldo il filo della narrazione. Anche i momenti meno ispirati della partitura, complice qualche condivisibile taglio, hanno sempre avuto il giusto peso e non hanno minimamente rallentato il costante fluire della musica.
Di ottimo livello, come sempre, la prova del coro istruito da Bruno Casoni.
Al termine il pubblico che esauriva il teatro ha decretato un successo unanime con punte di entusiasmo per Grigolo, Damrau e Viotti.

 

Visto il 18/02/2020
al teatro Teatro Alla Scala di Milano (MI)

Roméo et Juliette
Lirica
Informazioni principali
Regista
Bartlett Sher
Protagonista
---

Davide Cornacchione

  Redattore

Studi classici e laurea in farmacia. La lettura del Macbeth di Shakespeare suggerita da una lungimirante insegnante di italiano in terza media ha stim...

>> continua