Geolocalizzazione

Se lo desideri puoi concedere il consenso alla localizzazione per visualizzare notizie e spettacoli della tua provincia.

Oppure puoi selezionare manualmente la tua provincia:

RESURREXIT CASSANDRA

Le quattro Cassandra di una energica Sonia Bergamasco

Recensione:
Sonia Bergamasco © Hanna Auer

Complice la luna piena che fa capolino dietro il Teatro Grande di Pompei, lo spettacolo Resurrexit Cassandra , con protagonista Sonia Bergamasco, amplifica il suo senso nell’assoluto del suo scenario. Apre il Pompeii Theatrum Mundi con la forza della storia che parla nelle pietre antiche a cui si aggiunge la forza di un messaggio, la forza di un'interpretazione. 

TEATRO.IT - INSTAGRAM


Cassandra visionaria, cassandra pazza, Cassandra puttana. Cassandra torna in vita, inascoltata sempre, e continua a guardare e vedere oltre. Inevitabilmente. 

La pelle che, come i serpenti di legno presenti sulla scena, Cassandra risorta cambia sembra essersi attaccata addosso allo spettatore che, lasciandosi condurre dai passi del testo di Ruggero Cappuccio, dell'interpretazione piena di energia di Sonia Bergamasco e della lettura di Jan Fabre non può più togliersi da dosso.

Sonia Bergamasco

La storia di quattro Cassandra, eterno ritorno

Quando entra in scena, solenne, Cassandra-Bergamasco con il suo vestito con strascico nero, entra con tutta la terribilità della sua storia. Inascoltata come sempre. Visionaria certo. Come l'idea di un corpo separato che si ricompone. La chiave di questa visione è l’immobilità. Quella in cui la parola, la voce, il viso diventano il modo con cui Cassandra torna, entra, disfà certezze, racconta tragedie impossibili da evitare.

Inutilmente, perché inascoltata, offesa, folle. Energia del corpo fermo nella vita a cui fa da contraltare la proiezione dell’immagine di lei, dietro in movimento, che ripete gesti nello spazio con un'ascia. Per passare da un momento all'altro Cassandra cambia vestito, accanto ai serpenti lignei distribuiti attorno, gli stessi che, secondo un'interpretazione le diedero la sue doti profetiche. 

Sonia Bergamasco


Come loro cambia pelle. Si toglie una pelle-vestito sotto cui ce n'è un'altra. Il vestito-pelle nero cade e il nuovo è rosso e poi verde e poi bianco. Ogni colore rispecchia una condizione. Rosso la memoria del suo passato, verde il futuro assurdo in cui vede la volontaria distruzione della natura, bianco la possibilità. 

Dal palco suona reale il monito, sulla lenta distruzione, di una natura che stiamo distruggendo, e sappiamo che non è folle visione. La natura schiaccia. L’etereo vestito bianco esprime l’eternità del tempo, nell’eternità dell' amore che non rispetta i tempi verbali. Quello che fu domani, quello che sarà ieri danno il senso di un possibile.

Sonia Bergamasco

Cassandra dentro, la storia si ripete

E allora su tutto questo viaggio visionario di una voce-corpo, l’emozione di una responsabilità, diventa solida. Diventa ricchezza. La magia è legata all’interpretazione diretta dalla sensibilità di Jan Fabre, sempre attento ai colori della contemporaneità. Messaggio arrivato, operazione compiuta. Le parole di Cassandra vibrano di vero, ognuno se la porta dentro. Sono già state dette, già state ignorate, perché Cassandra non è solo una persona, ma un ruolo eterno che lei stessa chiede di smettere di avere. 

Si affaccia dentro lo spettatore l’interrogativo, mentre entra in quell’intenso. Perché? Perché non dare ascolto a quella voce saggia, agire contro la visione catastrofica prevista, evitabile, semplicemente abbattendo le proprie chiusure dentro?

 

Visto il 26/06/2021
al teatro Teatro Grande di Pompei (NA)

Resurrexit Cassandra
Prosa
Informazioni principali
Regia
Jan Fabre
Protagonista
Sonia Bergamasco

Ilaria Barbara Varriano

  Redattore

Una persona in eterna ricerca... Appassionata di parole e di immagini. Giornalista e comunicatrice da quasi sempre, tra giornali e uffici stampa,...

>> continua