Geolocalizzazione

Se lo desideri puoi concedere il consenso alla localizzazione per visualizzare notizie e spettacoli della tua provincia.

Oppure puoi selezionare manualmente la tua provincia:

LA MIA BATTAGLIA

La Mia Battaglia: gli echi di un passato che ritorna

Recensione:
La Mia Battaglia © Margherita Cenni

In quale direzione stiamo andando? Il nostro futuro è scalfito dagli echi di un passato oscuro? Queste le domande che emergono da La Mia Battaglia, energico monologo interpretato da Elio Germano e scritto a quattro mani con Chiara Lagani.

Un palco spoglio ospita solo un leggio e uno sgabello. L’attore fa il suo ingresso dalla platea, saluta educatamente gli spettatori e li diverte con aneddoti.
“Se il teatro fosse una nave alla deriva e gli spettatori si ritrovassero nella condizione di naufraghi su un’isola deserta cosa accadrebbe?”. Con queste parole, Germano rompe all’improvviso il clima leggero di quello che sembrava essere un divertente one man show.


Si entra subito nel vivo dello spettacolo affrontando controversie attuali: mancanza di comunicazione, assenza di responsabilità, paura dell’altro. Poco alla volta, l’elenco dei problemi aumenta: scuola, immigrazione, il futuro incerto dei giovani. Dalla platea s’inizia a intuire una certa piega politicizzata e la curiosità cresce.


Trittico della società odierna

Ma quando si crede di aver capito il senso dello spettacolo questo prende un’altra direzione. Germano lascia le coscienze per farsi trittico umano della società odierna. Infatti, con la persuasione dell’ipnotizzatore, dell’esperto di televendita truffaldino e del politico corrotto, suggerisce soluzioni estreme per la salvezza del popolo italiano.

Come in una sorta di esperimento sociale, che ricorda il film “L’onda” di D. Gansel, Germano diventa leader/dittatore di una fatiscente comunità teatrale e, nel bel mezzo di un comizio fascista, esorta con energia alla libertà e abiura una democrazia dove tutti hanno diritto di parola, ma nessuna competenza.


Il manipolatore

Il clima è teso, l’attore invoca nervoso la supremazia degli italiani e il pubblico è confuso, alcuni spettatori vanno via, altri applaudono timidamente. La platea è affascinata e, al tempo stesso, terrorizzata, forse perché non tutti riescono a cogliere subito i chiari riferimenti a uno dei capitoli più tetri dell’umanità, o forse perché vittime di un efficace Germano che sperimenta la manipolazione e sbraitando rievoca la parola ‘razza’.

In ogni caso la provocazione teatrale è ben riuscita. Lo spettacolo dimostra come in una società marcia, dove apparire conta più che essere, dove parole come massa e democrazia vengono strumentalizzate e dove i giovani vedono appassire il futuro, basta poco per far sì che la storia e i suoi orrori rifioriscano.

 

Visto il 26/03/2019
al teatro Ambra Jovinelli di Roma (RM)

La mia battaglia
Intrattenimento
Informazioni principali
Regia
Elio Germano
Protagonista
Elio Germano

Marilisa Pendino

  Redattore

Laureata in Informazione, Media e Pubblicità all’Università “Carlo Bo” di Urbino e diplomata in critica giornalistica per lo spettacolo presso...

>> continua