Geolocalizzazione

Se lo desideri puoi concedere il consenso alla localizzazione per visualizzare notizie e spettacoli della tua provincia.

Oppure puoi selezionare manualmente la tua provincia:

GUARDA COME NEVICA 2. IL GABBIANO

Guarda come nevica 2 - Il Gabbiano. Licia Lanera scruta la mediocrità umana (nella neve)

Recensione:
Guarda come nevica 2. Il Gabbiano © Manuela Giusto

Licia Lanera si confronta per la prima volta con un classico della letteratura, Il Gabbiano, di Anton Čechov, secondo tassello della trilogia Guarda come nevica. Attraverso questo testo, nella doppia veste di regista e attrice (nel ruolo di Irina) compie una riflessione su di sé, come donna e artista.

La sua interpretazione della diva che si illude di non cedere all’inutile, ma inesorabile, trascorrere del tempo risulta imperturbabile al punto di scuotere il pubblico rispetto al tradizionale senso di immobilità che caratterizza, generalmente, i personaggi di Čechov.


Intorno a lei, una nutrita schiera di attori, che si presentano al pubblico a sipario chiuso per avvertirlo di una temporanea sostituzione: Giandomenico Cupaiolo, infatti, interpreta il ruolo di Trigorin con il copione in mano per tutta la recita. E, forse, proprio questa situazione inaspettata rende la costruzione del personaggio molto aderente alla proverbiale indolenza di Trigorin.

Il tormento interiore di Kostja

Elemento caratterizzante della visione registica di Licia Lanera è l’inquietudine esistenziale, tipicamente giovanile, che affligge Kostja, schiacciato dall’ingombrante ombra di una madre come Irina, anaffettiva e spilorcia. L’apertura mentale di Jozef Gjura nell’affrontare questo ruolo – oltre a una pungente riflessione sul teatro, affidata da Čechov al suo personaggio – gioca a suo favore, anche quando il giovane attore sembra voler accostarsi con evidente disinvoltura a un carattere che propriamente disinvolto non è.


La stesso aspetto risulta altrettanto evidente quando Evgènij Sergèevič, medico della zona, espone la sua filosofia di vita, spensierata e libertina, che si contrappone all’immobilismo nel quale restano imprigionati tutti i personaggi. Contrasto reso ancora più efficace dall’attore Fabio Mascagni, che accenna ripetutamente alla canzone Odio l’estate, di Bruno Martino.

Una torrida e lenta nevicata

In questa campagna apparentemente idilliaca, dove tutti i personaggi vivono come reclusi, due sono gli elementi che rompono l’immobilismo di corpi e situazioni: una nevicata lenta e inesorabile, che contrasta la torrida calura estiva, impossessandosi del palcoscenico; e l’interpretazione di Caterina Filograno, la quale rende  assolutamente giustizia al simbolismo della libertà del gabbiano, tragicamente attirato dall’ambiente lacustre.

> GLI SPETTACOLI IN SCENA <


Un ulteriore elemento interessante è il cambio di scena tra un atto e l’altro; all’apertura del sipario, l’atmosfera noiosa e grigia è rappresentata da un semplice fondale a tema lacustre che, nel secondo atto, si ripiega su se stesso, portando l’attenzione del pubblico su alcuni microfoni ad asta presenti sulla scena.

Quasi a dire che la neve gela le speranze dei protagonisti e il microfono amplifica il senso di vuoto di esistenze destinate al fallimento.

 

Visto il 01/12/2021
al teatro Astra di Torino (TO)

Guarda come nevica 2. Il gabbiano
Prosa
Informazioni principali
Regia
Licia Lanera
Protagonista
Vittorio Continelli, Mino Decataldo, Alessandra Di Lernia, Jozef Gjura, Marco Grossi, Licia Lanera, Fabio Mascagni, Giulia Mazzarino

Roberto Mazzone

  Redattore

Torinese, inizia a scrivere di spettacolo nel 2003 - e dal 2006 per l’allora Teatro.Org - specializzandosi progressivamente nel teatro musicale e ne...

>> continua