Geolocalizzazione

Se lo desideri puoi visualizzare notizie e spettacoli della tua provincia.

FESTA DI FAMIGLIA

Festa di famiglia

Recensione:

Il giorno del sessantesimo compleanno di mamma Ignazia. Ecco la cornice del dramma rappresentato in “Festa di famiglia”. Un dramma essenzialmente familiare, domestico, amplificato spesso dal desiderio di celare il dolore, la frustrazione. Un racconto sentito, amaro, uno sguardo severo eppure talvolta ironico, quasi divertito, sulla violenza familiare, quotidiana, che si esprime, in varie forme, nei rapporti di coppia portati in scena. Nella gelosia morbosa e violenta di Rico nei confronti di Maria, una delle figlie di Ignazia. Nella grigia e soffocante quotidianità che affligge il rapporto tra Donata, sorella di Maria, e suo marito Leone. Nella freddezza e talvolta nella crudeltà che anima la burrascosa convivenza tra mamma Ignazia e Frida, sua ultima figlia. Freddezza carica di parole non dette, non ascoltate, di parole terribili sul conto del padre di Frida, Maria e Donata, che ha da tempo abbandonato la famiglia. La situazione, in precario equilibrio, sembra improvvisamente, in occasione del compleanno di Ignazia, trovare una piccola svolta, una sorta di sfogo. Proprio in questi momenti ci si accorge che il dramma è frutto di un’acuta rilettura, al tempo stesso fedele e moderna, dell’opera pirandelliana. Compare infatti la maschera, una maschera di normalità, ipocrita forse ad un primo sguardo, ma comunque un’oasi di pace in un turbinare di sentimenti, di dubbi, di angosce. La maschera che i personaggi indossano per costruire un’immagine accettabile di se stessi, per trovare pace. Talvolta l’interpretazione dei personaggi del ruolo che hanno scelto per sé pare addirittura sovrapporsi all’atto di recitare, proprio dell’attore. Fino a perdere di vista, per un momento, l’orizzonte tra chi agisce e chi osserva, quasi che il pubblico si facesse personaggio a sua volta. Fino a non comprendere quasi, complice anche un’eccezionale prova corale da parte dei sei attori in scena, quale sia il confine tra recitare su un palco e recitare, ogni giorno, se stessi. Genova, Teatro Duse, 2 dicembre 2009

 

Visto il 02/12/2009
al teatro Duse di Genova (GE)

Festa di famiglia
Prosa
Informazioni principali
Regista
Mitipretese
Protagonista
Manuela Mandracchia, Alvia Reale, Sandra Toffolatti, Mariangeles Torres, Fabio Cocifoglia, Diego Ribon

Damiano Verda

  Redattore

www.damianoverda.it Genovese, classe 1985, ingegnere informatico, appassionato tanto di scrittura quanto di teatro. There’s four and twenty mi...

>> continua