Geolocalizzazione

Se lo desideri puoi concedere il consenso alla localizzazione per visualizzare notizie e spettacoli della tua provincia.

Oppure puoi selezionare manualmente la tua provincia:

E CHE DIO CE LA MANDI..

E che Dio me la mandi...

Recensione:

Si pone come uno spettacolo comico ed ironico E che Dio me la mandi... (regia di Lello Pirone).

L'intenzione del regista e degli autori (Eva De Rosa e Massimo Canzano) è quella di instaurare un rapporto di intesa con il pubblico e catturarlo in una comicità leggera e spensierata.


Nello specifico dello spettacolo: Lello (Lello Pirone), rimasto inspiegabilmente solo abitante della Terra, cerca di trovare una spiegazione al suo caso e di ritracciare qualche altro sopravvissuto.

Particolarmente divertente, in questa prima fase, è il dialogo con Dio, in cui Lello si lamenta con l'Altissimo delle sue sfortune e che pare avvicinarsi, nella recitazione, al monologo troisiano del mini atto unico della Smorfia intitolato I dieci comandamenti.

Lello prosegue nei suoi rovelli finché non compare sulla scena Eva (Eva De Rosa), sopravvissuta inspiegabilmente anch'ella a quella che per i personaggi è la misteriosa catastrofe. A questo punto si prospetta agli occhi dei novelli Adamo ed Eva il compito di ripopolare il mondo, finché non compare una terza sopravvissuta, Natalia (Natalia Cretella).


La presenza delle due donne in scena, e in particolare il loro rapporto di opposizione, concretizza la forza comica dello spettacolo: Eva si presenta come una donna non attraente verso cui Lello, uomo amante della vita brava del lusso e delle belle, protende in mancanza dei suoi precedenti trascorsi; Natalia, invece, si presenta come donna procace e disponibile, e dalla quale Lello si sente irrefrenabilmente tentato, in contrasto con Eva nell'accaparramento dell'ultimo uomo sulla terra.


In questo contesto si snoda l'ironia del contesto in cui Lello viene a trovarsi, finché non irrompe sulla scena la voce di Dio che, è il caso di dirlo, come un Deus ex machina, solverà tutti i quesiti sia ai personaggi che al pubblico.

E la presenza scenica, di impatto, di Lello Pirone, Eva De Rosa e Natalia Cretella, spiegandosi lungo l'intenzione comica non fa che aumentare l'intento in un certo senso del docere delectando.

Uno spettacolo E che Dio me la mandi... condotto con leggerezza in cui la comicità è la protagonista in cui gli interpreti si fingono nei loro caratteri in maniera riuscita.

(repliche al Nuovo Teatro Sancarluccio: 24-25 marzo 2017)

 

Visto il 05/03/2017
al teatro Nuovo Teatro Sancarluccio di Napoli (NA)

E che Dio ce la mandi..
Prosa
Informazioni principali
Regia
---
Protagonista
---

Salvatore Di Marzo

  Redattore

Nato e laureato a Napoli, Salvatore Di Marzo collabora a diverse testate giornalistiche e progetti culturali universitari con articoli e recensioni.&n...

>> continua