Geolocalizzazione

Se lo desideri puoi concedere il consenso alla localizzazione per visualizzare notizie e spettacoli della tua provincia.

Oppure puoi selezionare manualmente la tua provincia:

DUE MITI COME NOI

L'attenzione della dra…

Recensione:

L'attenzione della drammaturgia di Due miti come noi. La vera storia di Penny & Dido scritta da Gigliola De Feo (regia di Andrea Fiorillo) rivolge già dal titolo la sua attenzione alla cifra mitica dei personaggi di cui si parla: Penelope, interpretata da Pina Giarmanà, e Didone, interpretata dalla stessa De Feo.

Nella visione dell'autrice ed attrice, il mito e la poesia epica non hanno dato la giusta importanza alle figure delle due regine, le quali dimostrano, nell'esegesi diacronica delle loro rispettive storie, i loro rispettivi caratteri che hanno permesso ad una di difendere il proprio regno dalle devastazioni dei Proci, ed all'altra di condurre la propria terra alla ricchezza senza la vicinanza di un marito. Due personalità forti, dunque, grazie alla propria femminilità.

Lo spettacolo affronta tale tema mediante un andamento comico dato dal confronto delle esperienze (non molto dissimili) di Penelope e Didone, l'una di fronte l'altra durante lo scambio di battute. Una delle particolarità, infatti, dello spettacolo è quella di avere immaginato che le due donne, in attesa dei rispettivi compagni, abbiano potuto conoscersi. Ed è proprio dal confronto che, dopo una prima parte dello spettacolo in cui le due regine inscenano le reazioni per il comportamento non dignitoso dei rispettivi compagni improntandole volutamente al comico, si palesa il significato vero dello spettacolo: la speranza che le donne non vengano messe sempre in secondo piano in favore di egoisti esigenze tutte maschili. Attraverso, così, la presa di coscienza di una fuoriuscita da un'orbita maschile e maschilista, Penny e Dido, divenute voci non individuali ma universali, si fanno ambasciatrici della vera parità, la quale non risiede nell'identità di comportamento ma nel rispetto reciproco dei rispettivi limiti.

Lo spettacolo si configura, dunque, non come una narrazione univoca e finalizzata a se stessa, ma ad ampio respiro. Esso diviene messaggio di speranza, nonostante la straniante rivelazione finale per cui si scopre la reale ambientazione, fino ad allora taciuta. E ancora una volta la drammaturgia risulta amaramente reale, in quanto spesso i giusti pensieri e ideali vengono volutamente, e perciò malignamente, fatti passare per follia.

 

Visto il 27/11/2016
al teatro Nuovo Teatro Sancarluccio di Napoli (NA)

Due miti come noi
Prosa
Informazioni principali
Regia
---
Protagonista
---

Salvatore Di Marzo

  Redattore

Nato e laureato a Napoli, Salvatore Di Marzo collabora a diverse testate giornalistiche e progetti culturali universitari con articoli e recensioni.&n...

>> continua