Geolocalizzazione

Se lo desideri puoi concedere il consenso alla localizzazione per visualizzare notizie e spettacoli della tua provincia.

Oppure puoi selezionare manualmente la tua provincia:

DIO PLUTO

L’economia globale da Aristofane ai giorni nostri

Recensione:

Dio Pluto è una pièce sulla disomogenea e iniqua distribuzione del denaro tra gli uomini, oggi come 2400 anni fa, quando Aristofane scrisse il testo originale.
I protagonisti sono due cittadini ateniesi: il povero, ma onesto Cremilo (Jurij Ferrini) e il suo servo Carione (Federico Palumeri), i quali sulla strada per Delfi, con l’intento di consultare l’Oracolo si imbattono in uno straccione cieco, che si rivelerà essere Pluto, il dio greco della ricchezza (Francesco Gargiulo).

Ricchezza vs povertà: uno scontro millenario

Convinto che la causa dell’iniqua distribuzione della ricchezza sia la cecità del dio, Cremilo si offre di fargli riacquistare la vista, cosicché Pluto possa distinguere tra onesti e disonesti e premiare solo le persone meritevoli. Interviene, dunque, in scena la personificazione della Povertà (Rebecca Rossetti), che tenta di dissuadere i due protagonisti dai loro propositi, avvertendoli che la ricchezza non deve essere distribuita equamente perché è proprio la necessità che spinge gli uomini a impegnarsi per emergere: nasce così un contraddittorio emblematico, che i due increduli ateniesi non si dimostrano in grado di confutare in maniera appropriata.
Tuttavia, Cremilo non presta ascolto alla Povertà e riesce nel proprio intento. Le conseguenze capovolgeranno il mondo senza risolvere minimamente il problema, al punto che perfino Hermes, il dio degli affari (Andrea Peron) avrà da lamentarsi e sarà costretto a cercare una nuova occupazione.

Satira e riflessione

Jurij Ferrini propone una rilettura in chiave allegorica del testo di Aristofane e la condisce con frequenti rimandi all’attualità, che offrono divertenti spunti di riflessione sulla situazione economica politica e sociale dell’Italia e del mondo intero. L’impostazione registica adottata da Ferrini utilizza una satira più libera e spregiudicata, rispetto a lavori precedenti (Misura per misura), facendo molto affidamento sul contrasto (abbastanza scontato) tra il politeismo dell’antichità e la tradizione cattolica monoteistica.
Ma l’uomo è sempre al centro e lo dimostrano le interpretazioni dei vari piccoli ruoli della commedia: in alcuni casi, si tratta di personaggi caratterizzati all’eccesso, anche perché tutti gli attori possono contare su una notevole presenza scenica.
L’allestimento scenico si adegua al ritmo della commedia: asciutto ed essenziale, realizzato utilizzando cuscini, puff e una colonna in materiale gonfiabile che, da sola, separa l’esterno dagli altri ambienti (la casa di Cremilo, il tempio).

 

Visto il 18/02/2018
al teatro Civico Garybaldi di Settimo Torinese (TO)

Dio Pluto
Prosa
Informazioni principali
Regista
Jurij Ferrini
Protagonista
Jurij Ferrini

Roberto Mazzone

  Redattore

Torinese, inizia a scrivere di spettacolo nel 2003 - e dal 2006 per l’allora Teatro.Org - specializzandosi progressivamente nel teatro musicale e ne...

>> continua