Geolocalizzazione

Se lo desideri puoi concedere il consenso alla localizzazione per visualizzare notizie e spettacoli della tua provincia.

Oppure puoi selezionare manualmente la tua provincia:

Edoardo Ferrario: una risata semplice, ma al di fuori dell’ordinario

Recensione:
Edoardo Ferrario in "Diamoci un tono"
Edoardo Ferrario in "Diamoci un tono" © Teatro.it

C’è un buon modo per parlare di attualità senza diventare pedanti o ripetitivi: si chiama comicità, e c’è chi la porta a teatro. C’è riuscito Edoardo Ferrario, volto di Quelli che il calcio qui autore e interprete di Diamoci un tono, una stand-up comedy che tra monologhi, interazioni col pubblico e parodie osserva e racconta la società che ci circonda. E della quale – non giriamo lo sguardo altrove – facciamo parte.

La realtà vista con ironia

Maratone di Mentana a tutto spiano, programmi di cucina versus problemi di alimentazione, simboli religiosi esotici divenuti oggetti d’arredamento. E ancora, abuso consueto di social network e vacanze Airbnb, l’ebrezza (improbabile) di farsi Roma-Rimini in nottata per andare in discoteca. O l’incontro ravvicinato in palestra con sforzi al di là della nostra portata, noi che lì riusciamo soltanto a rassicurare il nostro senso di colpa. Quella tratteggiata da Ferrario non è altro che la realtà vista con la lente spassionata dell’ironia. Così, alla semplicità dello sguardo e all’immediatezza di immagini familiari si mescolano umorismo e intuizioni esilaranti, al di fuori dell’ordinario già visto.



Edoardo Ferrario

I trentenni soprattutto, ma non solo

E se è vero che Ferrario, classe 1987, mette i trentenni di fronte a uno specchio, è anche vero che sul palco non porta solo loro e che non si rivolge soltanto a loro. La realtà raccontata è composita e quotidiana, universale nei suoi paradossi. La risata viene naturale perché qui non c’è giudizio, e se c’è si sorride anche a quello. Un po’ come con l’assurdo reale del precariato e del mondo delle università con cui Ferrario si è fatto conoscere, nella web-serie Esami e ora con il suo seguito Colloqui.

Un titolo, un monito

Sarà per questa riconoscibilità che l’informalità della scena spoglia non ostacola il discorso, anzi gli dà agio, e Edoardo Ferrario ci si muove con disinvoltura. Un bell’esempio che dal web alla radio, dalla tv al teatro smuove una generazione dall’interno ma senza spocchia né suffragando banalità. E, soprattutto, portando tantissimi giovani a teatro: una rarità.


Spettacolo: Diamoci un tono
Visto al Teatro Franco Parenti - Sala Grande di Milano.

 

Visto il 30/05/2018

Giulia Maria Basile

  Redattore

Autore di milano...

>> continua