Geolocalizzazione

Se lo desideri puoi concedere il consenso alla localizzazione per visualizzare notizie e spettacoli della tua provincia.

Oppure puoi selezionare manualmente la tua provincia:

Teatro

Tra rivolta e incertezza: il Teatro della Tosse presenta 'I giusti' di Camus

Nel contesto della mostra dedicata al Sessantotto presso Palazzo Ducale, Emanuele Conte presenta la nuova produzione ispirata al testo di Camus, tra nuovi attori e promesse che si rinnovano.

Tra rivolta e incertezza: il Teatro della Tosse presenta 'I giusti' di Camus

Si è svolta all’interno della Loggia degli Abati del Palazzo Ducale di Genova, dov’è ospitata la mostra dedicata a voci e documenti del Sessantotto, la conferenza stampa dedicata alla presentazione dello spettacolo I Giusti, prodotto dal Teatro Della Tosse, in scena da mercoledì 22 febbraio a sabato 4 marzo. A presentare la nuova produzione, Giuliano Galletta (curatore della mostra), Amedeo Romeo (direttore del Teatro della Tosse) ed Emanuele Conte (regista).

Tra la mostra e lo spettacolo è facile individuare un fil rouge ideale, in quanto entrambi affrontano i temi della ribellione all’ordine costituito, della sofferta presa di posizione dei giovani e del rapporto tra ribellione e rivolta, prospettiva problematica, quest’ultima, dalla quale si parte per la costruzione di un nuovo futuro in divenire, senza conoscerne a priori gli esiti, proprio come accade per la ricerca artistica, precisa Conte.
Ricordando il prezioso lavoro su scenografia e costumi, opera rispettivamente di Bruno Ferrando e Daniele Sulevich, Conte coglie l’occasione per ricordare come I giusti chiuda la trilogia sul potere iniziata con un altro lavoro di Albert Camus, il Caligola e proseguita con un’interessante rilettura di Arnouille, Eurydice.

Dedicando l’intera produzione ad Andrea Bianchi, traduttore e conoscitore della letteratura d’oltralpe, purtroppo scomparso, Emanuele Conte e Pietro Fabbri raccontano il lavoro di studio effettuato sui testi filosofici, narrativi e teatrali del grande scrittore francese, del quale verrà dato un breve, ma interessante, assaggio con la lettura, o meglio la mise en vois, il prossimo 2 marzo, del testo L’improvviso dei filosofi, da un inedito di Camus.

Presenti in sala i componenti del cast, Luca Mammoli, Gianmaria Martini, Sarah Pesca, Graziano Sirressi e il giovanissimo Alessio Zirulia, scritturato a seguito di un’intensa attività di casting sul territorio.

Paola Malaspina

  Redattore

Sono nata a Genova e mi occupo di comunicazione istituzionale nella Pubblica Amministrazione; appassionata di ogni forma di scrittura - e di quella pe...

>> continua