Geolocalizzazione

Se lo desideri puoi concedere il consenso alla localizzazione per visualizzare notizie e spettacoli della tua provincia.

Oppure puoi selezionare manualmente la tua provincia:

Teatro

Pompeii Theatrum Mundi, fra le antiche pietre risuonano parole moderne

La rassegna estiva lancia dal teatro dell'antica città una speranza di rinascita: Pompei torna in scena con gli spettacoli di Fabre, Tiezzi, Dante, Baliani, Rodriguez.

Il Teatro Grande di Pompei
Il Teatro Grande di Pompei

Mai come questa volta tornare a teatro segna un possibile ritorno alla vita. E non solo perché in 
questo interminabile anno di peste il teatro ci è venuto a mancare.  Anche perché quest’estate potremo finalmente tornare a sederci su uno di quei monumenti di pietre antiche, ed eterne, da cui è cominciata la prima idea di teatro come luogo in cui gli uomini possono formulare domande a ciò che è vivo e a ciò che è destinato a morire”.

Così Roberto Andò presenta la quarta edizione del Pompeii Theatrum Mundi, la rassegna estiva del “Teatro di Napoli – Teatro Nazionale” che dirige e che avrà dal 24 giugno al 25 luglio come scenario il Teatro Grande di Pompei. La manifestazione riprende, dopo la sospensione dell’anno scorso, con cinque spettacoli promossi dal Nazionale di Napoli insieme con il Parco Archeologico di Pompei in collaborazione con Fondazione Campania dei Festival - Campania Teatro Festival.

Teatro Grande di Pompei

Un Teatro del sentire contemporaneo

Gli spettacoli che andranno in scena nel Pompeii Theatrum Mundi sono opere contemporanee scelte per superare la settorialità di un teatro 'classico' in nome di un teatro di valori condivisi. Secondo il direttore Andò,  sono “uniti da un filo forte che lega la catastrofe alla resurrezione". La rassegna si augura di accompagnare il teatro oltre la crisi, momento di vera rinascita.

Si apre giovedì 24 al 26 giugno con Jan Fabre, il poliedrico artista belga che porta in scena Resurrexit Cassandra (info e Date), testo scritto da Ruggero Cappuccio con interprete in questo caso Sonia Bergamasco. Legato alla storia di Cassandra e all'idea della profezia come dimensione dell’autoinganno umano, è parte di un’operazione su più ampia scala che ha visto Fabre confrontarsi con il testo dello stesso autore in versioni linguistiche diverse, in nome di un superamento dell’incomprensibilità.

Federico Tiezzi


A luglio saranno protagonisti Federico Tiezzi, Dante e Mario Luzi con lo spettacolo Il purgatorio. La notte lava la mente (Info e Date), su testo di Luzi: il regista si confronta con la dimensione del Purgatorio, la cantica dantesca in cui l’elaborazione del dolore approda alla speranza.

Emma Dante, artista dallo sguardo profondo, si lascia ispirare da Giovan Battista Basile per il suo Pupo di zucchero, la festa dei morti (Info e Date). Una rilettura dell’usanza del 2 novembre di scambiare tra mondo dei vivi e dei morti, in un banchetto contro la solitudine. Lo spettacolo poi verrà portato al Festival di Avignone.

Marco Baliani e Franco Marcoaldi


Marco Baliani, l'arte di Mimmo Paladino e il testo attualissimo di Franco Marcoaldi propongono la prima di Quinta stagione (Info e Date). Il monologo, sfida tra poesie e teatro, racconta la necessità di aggiungere una stagione per inquadrare un tempo diventato ormai incomprensibile.

La chiusura dell’edizione 2021 di Pompeii Theatrum Mundi, dal 23 al 25 luglio, è con il debutto in prima assoluta italiana de La cerisaie / Il giardino dei ciliegi (Info e Date), classico di Anton Cechov riletto dalla regia del portoghese Tiago Rodrigues. Protagonista è Isabelle Huppert in una produzione condivisa con il Festival d’Avignone.

IL CARTELLONE COMPLETO

 

Ilaria Barbara Varriano

  Redattore

Una persona in eterna ricerca... Appassionata di parole e di immagini. Giornalista e comunicatrice da quasi sempre, tra giornali e uffici stampa,...

>> continua