Teatro

Paura per Marina Abramovic: l'artista colpita con un quadro a Firenze

L'aggressore, un 51enne della Repubblica Ceca, è stato subito fermato e consegnato alla polizia. Era già noto per i suoi eclatanti gesti "in nome dell'arte".

Paura per Marina Abramovic: l'artista colpita con un quadro a Firenze

"L'ho fatto per la mia arte" così ha esordito il 51enne originario della Repubblica Ceca dopo aver colpito Marina Abramovic con un quadro. È  successo tutto a Firenze, poco dopo le 13 di domenica. L'uomo, già protagonista di episodi simili in passato, è stato immediatamente fermato dalla polizia. 

Attimi di terrore 

L'artista serba stava uscendo da Palazzo Strozzi dove è in corso una sua mostra. L'aggressore si era avvicinato con un quadro dipinto da lui stesso raffigurante la Abramovic. Pensando ad un regalo Marina lo aveva lasciato fare, ma in una frazione di secondo l'uomo l'ha colpita in testa spaccando con violenza la tela. Sono seguiti attimi di terrore tra urla e spintoni, ma fortunatamente la polizia è riuscita a fermare l'assalitore. Secondo i primi accertamenti, l'aggressore è lo stesso che l'11 gennaio 2018 imbrattò con della vernice di Urs Fischer in piazza della Signoria a Firenze. 

"Con la violenza non si fa arte"

Fortunatamente l'artista, lasciando da parte lo shock iniziale, sta bene. Dopo essersi ripresa dalla paura, è andata a parlare con l'uomo per capire il motivo di tutta quella brutalità. "L'ho fatto per la mia arte" è stata la risposta. Una risposta che appare priva di senso, così come il suo gesto. La vicenda ha profondamente turbato tutti, in particolar modo la Abramovic che, nonostante l'aggressione subita, ha colto l'occasione per ricordare a tutti che con la violenza non si fa arte.

 

Marilisa Pendino

  Redattore

Laureata in Informazione, Media e Pubblicità all’Università “Carlo Bo” di Urbino e diplomata in critica giornalistica per lo spettacolo presso...

>> continua