Geolocalizzazione

Se lo desideri puoi concedere il consenso alla localizzazione per visualizzare notizie e spettacoli della tua provincia.

Oppure puoi selezionare manualmente la tua provincia:

Teatro

La vita delle donne mediorientali in scena a Brescia

Spose dell'altro mondo, tratto dai racconti della giornalista Laura Silvia Battaglia, debutta al Teatro Santa Chiara-Mina Mezzadri con la regia di Valeria Battaini.

La vita delle donne mediorientali in scena a Brescia

Tratto dai racconti di Laura Silvia Battaglia, Spose dell’altro mondo debutta sabato 4 marzo al Teatro Santa Chiara- Mina Mezzadri di Brescia, in replica domenica 5. Lo spettacolo, diretto da Silvia Battaini vede in scena oltre alla stessa regista, anche Francesca Mainetti, Roberta Moneta, Annalisa Riva; voci fuoricampo di Claudia Franceschetti e Alessandro Quattro.

Spose dell'altro mondo racconta poeticamente, ma prendendo spunto dalla realtà, la vita delle donne mediorientali nell’attuale situazione politica. Lo spunto per la realizzazione di questo spettacolo è stato l’articolo intitolato “La sposa yemenita ”, che racconta di una festa di matrimonio che progressivamente si popola di figure e suoni, una scatola nera che si riempie fino a saturarsi di colori, luci, musiche in una crescente tensione, nell'attesa che la sposa arrivi, che il miraggio si concretizzi, che i sogni possano avverarsi. Quattro figure femminili conquistano una loro bolla, uno spazio, una parentesi di intima solitudine nel bailamme della festa e trovano il modo per raccontare la propria unicità, le contraddizioni, la rabbia e il personalissimo dolore. La propria voglia di vivere, nonostante tutto.

Uno spettacolo “pop” per raccontare il tragico, per provare a dar voce a quello che non conosciamo e sul quale non siamo in grado di dare risposte. Lo spettacolo racconta un altrove che a noi pare così lontano e differente, ma al quale ci accomuna la voglia di vivere, di gioire, di dare un senso alla quotidianità.
Un filo non lineare attraversa lo spettacolo per evocare e dipingere strisce che partono dalla carta per farsi personaggi. L’obiettivo dal campo lungo si stringe sugli occhi scoperti, per provare a svelare un’umanità celata.

Davide Cornacchione

  Redattore

Studi classici e laurea in farmacia. La lettura del Macbeth di Shakespeare suggerita da una lungimirante insegnante di italiano in terza media ha stim...

>> continua