Geolocalizzazione

Se lo desideri puoi concedere il consenso alla localizzazione per visualizzare notizie e spettacoli della tua provincia.

Oppure puoi selezionare manualmente la tua provincia:

Teatro

Il Teatro Verdi di Pordenone apre le porte agli 'instagramers'

Il 22 gennaio e il 7 marzo una grande opportunità per gli amanti di Instagram che potranno scattare foto all'interno di uno spazio teatrale. Prevista, inoltre, la visita a due mostre fotografiche e una speciale lezione di fotografia tenuta da Luca d'Agostino.

Il Teatro  Verdi di Pordenone apre le porte agli 'instagramers'

Il Teatro Verdi di Pordenone conferma la propria apertura verso le nuove forme di comunicazione, e questa volta lo fa ospitando due “Instameet” (22 gennaio e 7 marzo) nonchè accogliendo gli instagramers per due giornate all’insegna della fotografia e dell’arte. L’appuntamento “social” che gli appassionati di Instagram organizzano periodicamente –e solitamente in spazi aperti- approda all’interno di un teatro, regalando l’opportunità di scattare foto in un ambiente d’arte del tutto unico. I due eventi saranno un’occasione importante per raccontare il teatro in una forma nuova, non convenzionale, giovane, per far entrare nuovi modi di comunicare e nuovi occhi all’interno del teatro.

Alle 14 di domenica 22 gennaio è prevista la visita di due mostre che rimarranno aperte al Verdi di Pordenone fino al 6 febbraio: “Una goccia di splendore”, esposizione che parte da padre David Maria Turoldo e Fabrizio De André per dare luce agli ultimi del nostro tempo e ad alcuni personaggi simbolo del sociale, e “Dipingo le sue parole”, che porterà gli instagramers alla scoperta delle opere realizzate da Toni Zanussi, pittore friulano che festeggia 40 anni di attività artistica. Questo appuntamento sarà inoltre occasione per un’ esclusiva lezione introduttiva alla fotografia di scena curata dal fotografo Luca d’Agostino.

Il 7 marzo, invece, i partecipanti a questo innovativo progetto saranno presenti durante il montaggio e le prove dello spettacolo “La bella e la bestia”.

Cristina Rovis

  CAPOREDATTORE

All’età di sei anni inizia lo studio della danza classica, intraprendendo, negli anni successivi, anche lo studio delle danze modern jazz e hip hop...

>> continua