Geolocalizzazione

Se lo desideri puoi concedere il consenso alla localizzazione per visualizzare notizie e spettacoli della tua provincia.

Oppure puoi selezionare manualmente la tua provincia:

Teatro

Il teatro perde il sorriso di Elio Pandolfi 

A 95 anni ci lascia Elio Pandolfi, l'ultimo testimone di un mondo ormai scomparso. L'addio al palcoscenico nel 2019 a Roma.

Elio Pandolfi
Elio Pandolfi

È morto questa notte nella sua casa romana l'attore Elio Pandolfi. Nato a Roma il 17 giugno 1926, ha svolto una intensa attività nel teatro di prosa e di rivista e alla radio, rivelandosi attore, cantante, ballerino, mimo e parodista di grande talento. 

Si era diplomato all'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica, dove aveva un sostenitore d'eccezione, il direttore Silvio D'Amico.  Ma la prima scuola fu la strada, dove imparò a imitare gli animali. Maturò così un'eccellente capacità di caratterizzazione e acquisì dimestichezza con le coloriture con cui personalizzava i ruoli.

> GLI SPETTACOLI IN SCENA <

La coppia artistica con Antonella Steni

Il grande pubblico ricorda soprattutto gli anni della coppia artistica formata con Antonella Steni (con la quale, al Teatro Parioli di Roma portò alla ribalta il primo spettacolo di satira politica e di costume, Scanzonatissimo 63, registrando sei mesi di botteghino esaurito) e i grandi varietà come Studio 1, accanto a Mina

Nella sua carriera ha recitato con registi del calibro di Visconti, Patroni Griffi Fellini e Lina Wertmuller. Tra le molte riviste interpretate, Alleluja brava gente con Renato Rascel e Gigi Proietti.

Elio Pandolfi

Un artista estremamente versatile

Per molti Elio Pandolfi è stato soprattutto una incredibile voce, estremamente versatile, eppure riconoscibilissima, chiara, incisiva e suadente, ha doppiato Stanlio della coppia Laurel & Hardy e perfino Paperino.

L'ultima volta in palcoscenico, nel 2019 a Roma in Io mi ricordo, con Riccardo Castagnari. Oggi lascia il figlio adottivo Natale Orioles. Per sua stessa volontà non verranno celebrati funerali.

"Era davvero uno degli ultimi di quella generazione di attori che avevano fatto di tutto, dalla prosa alla rivista. Ed era un’autentia memoria vivente: ricordava tutto di quel mondo che oggi non c'è più", ricorda il regista Pino Strabioli.


L'avevamo incontrato nel 2017 durante il Festival di Todi: QUI L'INTERVISTA INTEGRALE

 

Roberto Mazzone

  Redattore

Torinese, inizia a scrivere di spettacolo nel 2003 - e dal 2006 per l’allora Teatro.Org - specializzandosi progressivamente nel teatro musicale e ne...

>> continua