Geolocalizzazione

Se lo desideri puoi visualizzare notizie e spettacoli della tua provincia.

Teatro

Il regista Luca De Fusco a Roma con la Salomè di Oscar Wilde

Al Teatro Eliseo di Roma, dal 11 al 23 dicembre, torna in scena lo spettacolo ‘Salomè’ di Oscar Wilde, per la regia di Luca De Fusco

Eros Pagni e Gaia Aprea
Eros Pagni e Gaia Aprea

Dopo il grande successo al suo debutto al Teatro Grande di Pompei e poi al Teatro Mercadante di Napoli, Luca De Fusco torna a dirigere lo spettacolo Salomè di Wilde, nella traduzione di Gianni Garrera. L’opera, in scena al Teatro Eliseo di Roma dal 11 al 23 dicembre, vedrà sul palco i protagonisti Eros Pagni, Gaia Aprea e Anita Bartolucci.

Simbolo di sensualità e di morte

Un dramma celebre, scritto da Wilde nel 1891 e rappresentato per la prima volta nel 1896 al Théâtre de l'Œuvre di Parigi, sulla celebre figura di Salomè, che durante un banchetto chiede al patrigno Erode Antipa la testa del profeta Iokanaan, colpevole di non aver ricambiato i suoi sentimenti. 
La storia di questa affascinante e crudele donna è ben nota a tutti. Citata per la prima volta nel Vangelo dagli apostoli Matteo e Marco e ripresa da registi, pittori e scrittori, col tempo Salomè è diventata un vero e proprio archetipo, simbolo eterno di sensualità e di morte.

In scena un capolavoro 

Wilde ha fatto della sua Salomè un'autentica opera che gode, però, di pochissime rappresentazioni. Questo perché non si tratta di un semplice dramma, ma di un’originale miscela che unisce ironia, erotismo, drammaticità e grottesco. Un’opera che sembrerebbe più adatta alla lettura e alla fantasia di chi la legge, quasi impossibile da rappresentare su di un palco. 
Ma Luca De Fusco non si lascia intimorire e decide di riportare in scena un capolavoro per narrare l’enigmatica figura femminile capace di alternare desiderio di amore e desiderio di morte.

La sfida di De Fusco

Una grande sfida per il regista che coglie l’occasione di rappresentare un rilevante lavoro artistico, sperimentando contaminazioni che lo appassionano. Mescolando teatro, danza e musica, propone uno scenario unico in cui inserire Salomè e la sua ‘danza dei sette veli’ che affascina a tal punto da portare alla morte. 
Ma non solo, De Fusco reinterpreta questa storica figura e propone intuizioni: “A mio avviso, Salomè ama talmente il profeta da volersi trasformare in lui stesso. Non può e non vuole uscire da una dimensione narcisistica dell’amore e quindi si specchia nel profeta”

Forte anche della presenza di attori come Eros Pagni (Erode), Gaia Aprea (Salomè), Anita Bartolucci (Erodiade) e Giacinto Palmarini (Iokanaan), quella di 'Salomè' ha tutta l’aria di una storia che vuole colpire ancora. 


Per DATE e ORARI dello spettacolo in scena al Teatro Eliseo di Roma
Per INFO e DATE della tournée vai alla Scheda dello spettacolo

 

Marilisa Pendino

  Redattore

Laureata in Informazione, Media e Pubblicità all’Università “Carlo Bo” di Urbino e diplomata in critica giornalistica per lo spettacolo presso...

>> continua