Geolocalizzazione

Se lo desideri puoi concedere il consenso alla localizzazione per visualizzare notizie e spettacoli della tua provincia.

Oppure puoi selezionare manualmente la tua provincia:

Teatro

E se i ricordi potessero rivivere?

E se i ricordi potessero rivivere?

Il Teatro della Caduta è sempre foriero di novità interessanti, non manca di stupire la varietà della sua programmazione.

Ma un evento davvero curioso avrà luogo nelle sale del Caffè della Caduta ( Via Bava 39, Torino ) sabato 1 febbraio, si tratta di: A.R.E.M. Agenzia Recupero Eventi Mancati. La partecipazione del pubblico è fondamentale per costruirlo: nasce infatti dai ricordi raccolti in apertura da spettatori scelti casualmente lo spettacolo che va immediatamente dopo in scena.

Un format teatrale davvero interessante che si basa sull'improvvisazione drammaturgica dei ricordi.

Vi riportiamo per avere un'idea più chiara dell'evento, la descizione di A.R.E.M. da parte della Compagnia Elena Vanni (Brescia):

"Benvenuti nel luogo dove i ricordi non si conservano. Si rivivono. All’A.R.E.M. abbiamo metodi semplici. Chiudere gli occhi, dimenticare i limiti. Respirare e immaginare quel momento. Passato o futuro in cui eravate felici, in cui sarete felici. Non c’è niente di unico, originale, irripetibile, da oggi non più. Tre attrici, una cornice e il nostro tempo. Un lavoro di costruzione e distruzione. Dentro e fuori dalle storie e dai loro personaggi. Cerchiamo immaginari che ci raccontino impastando teatro e fumetto. Corpi e vignette. Lavoriamo sull’improvvisazione. Costruiamo la nostra cornice per romperla"

Se vi stuzzica l'idea di vedere in scena un vostro ricordo l'appuntamento è per sabato 1 febbraio ore 19.30 e 22.00 al Caffè della Caduta.

ANTEPRIMA REGIONALE

Maggiori informazioni si possono reperire sul sito del Teatro: http://www.teatrodellacaduta.org/index.php?option=com_content&view=featured&Itemid=101

 

Luigi Orfeo

  REGISTA di TORINO

Sono un regista di teatro e di lirica, ma nasco come attore. Ho iniziato a studiare alla Silvio d'Amico dove ho conosciuto i colleghi con i quali ab...

>> continua