Teatro

La Stagione 2018-2019 del Teatro Sociale di Rovigo, in festa per due secoli di storia

Opera, danza, prosa, concerti di classica e jazz: nel cartellone del Teatro Sociale di Rovigo non manca nulla. Compresa la festa per i 200 anni di attività all'insegna della lirica

Stagione 18/19 Teatro Sociale di Rovigo
Stagione 18/19 Teatro Sociale di Rovigo

Ancora un passo, ed il Teatro Sociale di Rovigo nel corso della Stagione 2018-2019 raggiungerà i 200 anni di vita. Meta ragguardevole, che verrà celebrata a metà aprile 2019 con un convegno e la rappresentazione di Adelaide di Borgogna di Pietro Generali, il melodramma che accompagnò nel 18/19 l'inaugurazione del teatro rodigino.

Si parte all'insegna di Verdi e Mozart

Intanto, il 7 novembre la stagione lirica decolla con Nabucco di Verdi, sotto la direzione di Marco Titotto e con regia, scene, costumi e luci curati da Filippo Tonon; fra gli interpreti troviamo Boris Statsenko, Gabrielle Mouhlen, Ivan Tomasev, Marina De Liso e Cristian Ricci. Si prosegue a metà dicembre con Le nozze di Figaro dirette da James Meena: regia, scene, costumi e luci sono di Massimo Pizzi Gasparon Contarini, interpreti principali del capolavoro mozartiano Fabio Previati, Gabriella Costa, Alfonso Mujica, Daria Masiero, Bruno Praticò, Leyla Martinucci. Il 30 dicembre due recite speciali de La vedova allegra con la regia di Arturo Brachetti e la direzione di Stefano Giaroli segneranno le festività natalizie.
 

Due titoli arcinoti, uno dimenticato

Compito della Turandot pucciniana aprire l'anno nuovo, a metà gennaio, con un cast che vede in scena tra gli altri Lilla Lee, Walter Fraccaro, Angela Nisi, diretti da Simon Krečič. L'allestimento è quello di Pier Luigi Pizzi, la sua regia verrà ripresa da Massimo Pizzi Gasparon Contarini. Ai primi di febbraio arriva a Rovigo una nuova coproduzione con il Goldoni di Livorno, L'elisir d'amore di Donizetti, con un doppio cast (Paola Santucci/Silvia Lee, Marco Ciaponi/Tatsuya Takahashi, Sergio Bologna/Matteo D'Apolito, Valdis Jansons/Italo Proferisce) guidato da Marco Severi; la regia è nelle mani di Ludek Golat. Per l'Adelaide, ripresa per la prima volta in tempi moderni, regia, direttore e cast sono ancora da definire.

Danza e classica non mancano

Per la danza, sono attesi a fine gennaio il Balletto di Roma con Otello, nuova coreografia di Fabrizio Monteverde, ed alla fine di febbraio una tappa del tour italiano dello spettacolo Parsons Dance, con la famosa compagnia di David Parson. Il 2 marzo, nel Ridotto del teatro rodigino, evento speciale con Il circo immaginario del coreografo Thierry Parmentier. Tema: il mondo del circo. Quanto alla musica classica, due gli appuntamenti iniziali: il 20 dicembre con i Christmas Carols in giro per la città, il 2 gennaio 2019 con un Concerto di Capodanno in teatro, diretto da Silvia Massarelli. A fine mese un Omaggio ad Astor Piazzolla con il bandoneon di Cesare Chiacchiaretta e la bacchetta di Giancarlo De Lorenzo (musiche di Galliano e Piazzolla). Ritroveremo di nuovo De Lorenzo e l'Orchestra Filarmonia Veneta per il concerto Rossini raccontato da Michele Mirabella, con la voce recitante del noto volto teeevisivo (musiche di Rossini, Paisiello, Mascagni, Verdi).
 

Per il programma completo della Stagione, che comprende anche molto altro - jazz, spettacoli per i ragazzi ed un ricco cartellone della prosa - vai alla Scheda del Teatro.

 

Gilberto Mion

  Redattore

Studi ad indirizzo classico. Già collaboratore del quotidiano Il Gazzettino, della rivista Pagine Venete e di altre testate regionali, ha&n...

>> continua