Geolocalizzazione

Se lo desideri puoi concedere il consenso alla localizzazione per visualizzare notizie e spettacoli della tua provincia.

Oppure puoi selezionare manualmente la tua provincia:

Teatro

Centro teatrale bresciano, un temporale per spazzare via il rancore

Debutta in prima nazionale a Brescia “Temporale” di August Strindberg. La regista Monica Conti: “E’ una breve sonata in tre tempi”.

Centro teatrale bresciano, un temporale per spazzare via il rancore

Una breve sonata in tre tempi”. Questa è la definizione che la regista Monica Conti> dà di Temporale, di August Strindberg. Prodotto dal Centro Teatrale Bresciano, debutta in prima nazionale a Brescia al Teatro Santa Chiara-Mina Mezzadri martedì 30 gennaio per replicare sino al 18 febbraio.

Il temporale come evento di riconciliazione

Il protagonista, Il Signore, ormai vecchio, vive solo in un palazzo chiamato “La casa del silenzio”. Al piano di sopra sono da poco arrivati degli inquilini che si scoprirà essere l’ex moglie del Signore Gerda, con la loro bambina e il nuovo marito Fischer, un uomo violento. Gerda chiederà aiuto al Signore, ma il loro incontro, dopo cinque anni dalla separazione, farà riaffiorare i tormenti, le gelosie, le sofferenze della loro vita coniugale. Dopo il temporale tutto si aggiusterà. Moglie e bambina andranno in campagna e il Signore se ne andrà dalla casa del silenzio dopo aver pareggiato i conti col suo passato.

, crudele e madre, spaventosa e benefica come la femmina che dona vita e morte, eros e tenerezza. In questo caso è lo spartiacque tra un prima fatto di rancori, sofferenze e chiusura alla vita, e un dopo, in cui la riconciliazione con il proprio passato permette di affrontare più serenamente il futuro.

Il primo Strindberg del CTB

Questa nuova produzione, che segna anche il primo allestimento di un testo di Strindberg da parte del Centro teatrale Bresciano. Vede in scena Vittorio Franceschi, Mauro Marino, Melania Giglio, Monica Ceccardi, Sergio Mascherpa e la stessa regista Monica Conti. Le scene e i costumi sono di Roberta Monopoli e le luci di Cesare Agoni.

Davide Cornacchione

  Redattore

Studi classici e laurea in farmacia. La lettura del Macbeth di Shakespeare suggerita da una lungimirante insegnante di italiano in terza media ha stim...

>> continua