Geolocalizzazione

Se lo desideri puoi concedere il consenso alla localizzazione per visualizzare notizie e spettacoli della tua provincia.

Oppure puoi selezionare manualmente la tua provincia:

Teatro

Benevento apre con Verdi

Dal 4 al 15 settembre la classica rassegna di Benevento Città Spettacolo, giunta alla trentaseiesima edizione.

Benevento apre con Verdi

Miti, eroi e persone comuni. A questo trinomio dell’umanità è dedicata l’edizione numero trentasei del Benevento Città Spettacolo, festival che vede protagonista la Città, la sua storia e i suoi luoghi d'arte attraverso spettacoli di teatro, danza e musica, convegni organizzati dalla direzione artistica, per l'ultimo anno, di Giulio Baffi. Per due fine settimana dal 4 al 15 settembre saranno circa venti gli spettacoli che avranno come scenario il centro storico dal Teatro Romano all’Arco del Sacramento e Palazzo Paolo V, dal Teatro De Simone all’Hortus Conclusus e al Piccolo Teatro Libertà. Anche questa edizione consente l’apertura di due nuovi ‘spazi riscoperti’: I Santi Quaranta e la zona archeologica del Fatebenefratelli valorizzati dagli spettacoli di Raccontami, sezione della manifestazione ideata da Giulio Baffi e Giovanni Petrone, con performance che si ispirano alla storia della città.

Ad aprire il festival sarà il mito di Giuseppe Verdi:  a lui e alle sue donne sarà dedicato il concerto nel suggestivo Teatro Romano, scenario utilizzato alla collaborazione della Soprintendenza Archeologia della Campania,  con protagonisti i maestri e gli allievi del Conservatorio di Musica “Nicola Sala" di Benevento.  E sempre a cura del Conservatorio beneventano anche l’evento dedicato alla musica di Cole Porter (domenica 6 settembre) e l’atteso concerto all’alba all’Hortus Conclusus. Musicale, itinerante e per bambini anche al  Flauto magico di Mozart e  Schikaneder (Hortus Conclusus 5 e 13 settembre) diretto da Claudio Di Palma

Ricco di proposte anche il calendario teatrale che tra gli altri vede l’”autopsia dei sentimenti” scritta e diretta da Luciano Melchionna , famoso per le sue letture 'al limite' con L’amore per le cose assenti (teatro De Simone ore 21 sabato 5 settembre),  Criaturas Particulares di e con Roberto White (sabato 5 settembre Palazzo Paolo V). Attesissima poi la prima nazionale dell'”Orestea” di Eschilo messa in scena da Luca De Fusco per il Teatro Stabile Nazionale della città di Napoli che, raccontando i tre episodi del mito, andrà in scena dal tramonto fino a notte fonda nello scenario del Teatro Romano (12 e 13 settembre). E poi Prometheus#2 , Simbolo di un sapere libero oltre il mito da Eschilo a Robert Lowell con la regia di Raffale Di Florio (6 settembre al Teatro De Simone) o un’originale versione di “Sandokan o la fine dell’avventura”, firmata da Giovanni Guerrieri, ambientata in una cucina con l’esercito di Mompracen  composto da ravanelli, verza, carote e patate.

Da segnalare anche Demòni  - Frammenti (micropieces della durata di 7 minuti per singoli spettatori per turno) da I Demoni di Fedor Dostoevskij e Frammento #1 – Marija di e con Alessandro Miele e Alessandra Crocco (con appuntamenti l’ 11 e il 12). Poi la mostra Mitiche visioni – Le antiche tessiture dei laboratori Rubelli nei teatri italiani a cura de Il Sigillo Gallery a palazzo Paolo VI e una serie di incontri di Psicoanalisi a corredare il percorso del festival.

Questa edizione del festival, le cui informazioni precise si possono rintracciare su www.cittaspettacolo.it ,  chiude un ciclo: è l’ultima che vede come direttore artistico Giulio Baffi che lascia, comunque con serenità il ruolo occupato da sei anni.  "Me ne vado, però, soddisfatto – racconta Baffi - I numeri parlano chiaro negli ultimi 5 anni abbiamo registrato circa 40.000 presenze per un importo pari a oltre 181.000 euro, con una media di 136.000 euro annui. Questo vuol dire che il festival è piaciuto, è seguito e lascia segni della sua presenza. Città Spettacolo fa parte della mia storia da 35 anni e continuerò a seguirla  anche se come spettatore, sempre consapevole della sua importanza”.

Edgardo Bellini

  Redattore

Appassionato e studioso di teatro, scrive su teatro.it dal 2006 interessandosi soprattutto al teatro contemporaneo e alle scritture del presente. A...

>> continua