Geolocalizzazione

Se lo desideri puoi concedere il consenso alla localizzazione per visualizzare notizie e spettacoli della tua provincia.

Oppure puoi selezionare manualmente la tua provincia:

Teatro

Anoressia: un work in progress autobiografico diventa spettacolo

Dal 25 gennaio al Teatro Studio Uno di Roma, Carlotta Piraino e Sonia Scialanca presentano  "Studio per uno spettacolo divertente sull'anoressia", lavoro autobiografico per indagare la malattia con ironia.

Carlotta Piraino e Sonia Scialanca
Carlotta Piraino e Sonia Scialanca

Al Teatro Studio Uno di Roma, un lavoro che nasce dal bisogno di indagare un'esperienza forte e personale, analizzandola per capirla a fondo dopo molti anni dall'averla vissuta. Con Studio per uno spettacolo divertente sull'anoressia, in scena dal 25 al 27 gennaio, Carlotta Piraino e Sonia Scialanca intraprenderanno un difficile viaggio che tutto verte sulla domanda: cos'è, per te, l’anoressia?  

Una ‘cosa’ chiamata anoressia

Non è facile capire cos'è questa "cosa" chiamata anoressia. È qualcosa che insieme salva e distrugge, una improduttiva identità di resistenza.
Partendo dalla definizione come malattia al suo dissolvimento in storia personale, la “cosa” prende gradualmente forma in una pluralità di voci emozionate. In questo modo la vicenda autobiografica dell'autrice si mescola e si confonde alle storie delle altre, mantenendo la forma sospesa di uno spettacolo che si presenta come uno studio, come una domanda aperta a cui è impossibile far seguire un’unica risposta.
 

Per INFO, DATE e ORARI vai alla SCHEDA DELLO SPETTACOLO

Andare in un'altra direzione

In un clima confortevole, come quello tra amiche, restano le storie, raccontate a tu per tu, restano le confessioni e i confronti, insieme a quello, durissimo, dello sguardo su se stessi e su ciò che di noi non riusciamo ad accettare. 
A fare da cornice la musica, un potente canale per raccontare la polifonia delle storie, per delineare un determinato percorso tra le canzoni e i racconti dalle sonorità un po’ rock, in cui un’attrice e una musicista, dialogando tra di loro, trovano insieme l’unica possibile risposta: se tante sono le strade, se difficile è trovare la via e ogni tanto ci si perde, c’è sempre la possibilità di andare in un’altra direzione.
 

La leggerezza di un tema importante 

Lo spettacolo è una presa di coscienza sull'incapacità di vedersi per quello che si è, sulla difficoltà di ascoltare i propri desideri, soprattutto in un momento di passaggio come può essere quello dell’adolescenza. Un lavoro leggero per raccontare un tema importante, in cui si mescolano sapientemente gesti rabbiosi e disperati a momenti buffi e delicati, lasciando nello spettatore anche lo spazio vitale per un sorriso.
 

Per INFO, DATE e ORARI vai alla SCHEDA DELLO SPETTACOLO

Qui TUTTI GLI SPETTACOLI in scena a ROMA
 

Marilisa Pendino

  Redattore

Laureata in Informazione, Media e Pubblicità all’Università “Carlo Bo” di Urbino e diplomata in critica giornalistica per lo spettacolo presso...

>> continua