Teatro

Anna Scommegna in uno straziante lamento d'amore e morte

Anna Scommegna in uno straziante lamento d'amore e morte
Il Teatro Ringhiera continua la sua programmazione di qualità con la messa in scena (dal 17 al 21 febbraio e dal 24 al 28 febbraio) di “Cleopatràs”, di Giovanni Testori. È niente meno che Anna Scommegna, guidata dalla regia di Gigi Dall’Aglio, a portare sul palcoscenico questo primo lavoro di una trilogia, intitolata “Anima mia”, pubblicata postuma nel 1994 che affronta i tre lamenti di morte di Cleopatra, di Erodiade (Erodiàs) e della Madonna (Mater Strangosciàs) rivolti ai loro rispettivi amati. Un amore a prima vista, nato nel 2005 al Festival Teatrinmovimento di Bassano del Grappa, quello dell’attrice per i testi di Testori, così profondamente legati alla città di entrambi: Milano. Così la Scommegna descrive la sua impresa: “Una scelta meditata a lungo, negli anni, che ha trovato ora la maturità, la forza viscerale e l’equilibrio necessari per incarnare un personaggio complesso e dare voce ad una lingua feroce, impetuosa, travagliata, scioccante”. “Cleopatràs” in particolare racconta il rimpianto della protagonista per il passato vitale e pieno ormai irrimediabilmente perduto. Di fronte alla morte, ciò a cui pensa ossessivamente sono i beni più conreti della sua vita andata, ciò che ha posseduto in quell’Egitto che era suo e che nella lettura di Testori diventa uno spicchio di Lombardia. Uno spettacolo da non perdere.

Elena Dalmasso

  SCENOGRAFO di MILANO

ESPERIENZE IN CAMPO TEATRALE 2010 PASSAGGI 2010 EL SILENCIO ES SALUD 2009 ZAZIE C'EST MOI: videoscenografia per l'omonimo spettacolo di Matteo C...

>> continua