Geolocalizzazione

Se lo desideri puoi concedere il consenso alla localizzazione per visualizzare notizie e spettacoli della tua provincia.

Oppure puoi selezionare manualmente la tua provincia:

Teatro

A Genova "un altro giro al Teatro della Tosse": ecco la stagione 20/21

Emanuele Conte: "Stiamo già scrivendo il futuro, e ripartiamo dalle nostre produzioni. Testi contemporanei e drammaturgie viventi".

Le strade del suono - Una voce
Le strade del suono - Una voce

"Un altro giro al Teatro della Tosse" di Genova. E’ questo il titolo che la Fondazione Luzzati Tosse ha scelto per la stagione 2020/21, con chiara allusione alla ripresa dell’attività teatrale e culturale dopo la bufera del Covid. 

Gli spettacoli andranno in scena come sempre nelle sale di Sant’Agostino in centro città (sala Aldo Trionfo, sala Dino Campana, e sala Agorà) e al Teatro del Ponente a Voltri. Anche la Tosse, come gli altri teatri, ha scelto di presentare solo i primi tre mesi di programmazione.

"Il futuro nasce nel presente, senza scampo – dice Emanuele Conte (leggi qui la nostra intervista) , presidente della Fondazione - per questo noi alla Tosse crediamo così fermamente in un teatro veramente contemporaneo. In questi tre mesi di programmazione stiamo già scrivendo il futuro del nostro teatro: tutti spettacoli di produzione, tutti testi contemporanei, drammaturgie viventi, comiche, tragiche, pulsanti. Reali. Il 2021 col suo carico di incertezze si presenta come “una tela bianca, con delle scriminature diagonali bianche” (da Art di Yasmina Reza). Eppure quella tela avrà centomila colori, quando andremo a guardarla dalla giusta angolazione. Amo credere che lo spettatore della Tosse, sia capace di trovare da solo l'angolazione “giusta”, la sua. Ognuno la sua. Perché la realtà è solo un punto di vista, e un punto di vista fa presto a diventare un punto di partenza, da cui, appunto, cominciare a scrivere il futuro."

Emanuele Conte

Tre mesi ad alta densità

Un programma che in soli tre mesi è un concentrato di prosa, musica, eventi, manifestazioni, rassegne e cultura.

“In questi tre mesi di programmazione, ai Teatri di Sant’Agostino e a Voltri – interviene  il direttore Amedeo Romeo - vedremo concentrate tutte le anime della Tosse: le produzioni della compagnia, l’ospitalità multidisciplinare (con la rassegna di danza Resistere e Creare, la rassegna di musica contemporanea Le Strade del suono, e l’ospitalità del festival della scienza) e il teatro ragazzi la domenica per le famiglie. Per raccontare la nostra ripartenza abbiamo scelto come logo l’immagine di una giostra: perché, come i bambini, non ci rassegniamo all’idea che non ci sia un altro giro. Perché la giostra si muove, e noi che ci stiamo sopra siamo fermi, senza stare fermi. Ripartiamo quindi da noi stessi, dalle produzioni, ma coinvolgendo nuovi artisti e ripensando, con i loro occhi, anche il nostro modo di fare teatro”.

Art


Ai Teatri di S. Agostino il 14 ottobre va in scena Art di Yasmina Reza, con regia e scene Emanuele Conte. Art è la nuova produzione della Fondazione Luzzati Teatro della Tosse. E’ una commedia crudele e divertente sull’amicizia. Il 10 novembre c’è Io provo a volare, omaggio a Domenico Modugno. A partire da cenni biografici di Domenico Modugno e dalle suggestioni delle sue canzoni, racconta con poesia e comicità la vita di uno dei tanti giovani cresciuti in provincia pronti, sull’onda del mito, ad affrontare ogni peripezia per realizzare il sogno di diventare artisti.

Il 20 novembre debutta EstOvest, le strade del suono, un nuovo programma di concerti e appuntamenti, sia dal vivo che in streaming. Il tema dell’edizione 2020 sarà la parola Biografie.

Dal 23 novembre al 6 dicembre ci sarà Resistere e Creare, una rassegna di danza giunta alla sua sesta edizione. La danza, come gesto politico: per opporsi ai meccanismi che distruggono le comunità sociali e culturali.

Il 12 dicembre va in scena Adagio di Emanuelle Delle Piane. Si tratta di un cabaret nello stile della commedia all’italiana degli anni ’60, in cui il tema della morte viene affrontato con pungente ironia in dieci brevi episodi tragicomici.

Amleto Take Away

Festival della scienza con un astronauta vero

Fuori abbonamento arriva il Festival della Scienza dal 30 ottobre all’1 novembre. Questi gli appuntamenti in programma ai Teatri di S. Agostino: il 30 ottobre c’è La Forza nascosta, scienziate nella Fisica e nella Storia: le vite di molte donne che hanno contribuito allo sviluppo e alla diffusione della scienza. 

Il 31 ottobre c’è Viaggio nello Spazio: onde radio sott’acqua dallo spazio. In scena un astronauta vero: Franco Malerba, con la tuta che aveva sullo Shuttle. Un progetto affascinante e fortemente evocativo, formalizzato con un’opera audio-video in cui attraverso la voce narrante di Malerba, la performance orchestrale e le proiezioni, viene portato per mano il pubblico in un excursus emozionale.

Al Teatro del Ponente il 6 novembre va in scena Ce le ho tutte! un divertente teatro-canzone basato sull'improvvisazione musicale. Il 20 novembre c’è Amleto Take Away, un affresco tragicomico che gioca sui paradossi e le contraddizioni del nostro tempo. L’11 dicembre ecco Instanbulbeat, un viaggio in sette capitoli nella realtà di Instanbul con le contraddizioni di oggi.

Continua anche La Tosse in famiglia: rassegna di spettacoli per bambini e famiglie, tutti la domenica pomeriggio nei teatri di Sant’Agostino, a partire da domenica 8 novembre.


Qui TUTTI GLI SPETTACOLI in scena a Genova.

 

Paolo Fizzarotti

  Redattore

Giornalista professionista del gruppo Gedi GNN, prima al Gruppo Editoriale L’Espresso/Finegil. In quasi quarant’anni di lavoro in redazione ha scr...

>> continua