Geolocalizzazione

Se lo desideri puoi concedere il consenso alla localizzazione per visualizzare notizie e spettacoli della tua provincia.

Oppure puoi selezionare manualmente la tua provincia:

Musica

La "Quarantella", l'esorcismo della Taranta contro l'isolamento

La pizzica dell’Orchestra Popolare della “Notte della Taranta” come atto liberatorio: a causa dell'emergenza sanitaria per il COVID-19, il Festival di Melpignano si svolgerà senza pubblico, il 22 agosto in diretta TV.

La "Quarantella", l'esorcismo della Taranta contro l'isolamento
© Bruno Sergio

“LA QUARANTENA NUN ME PIACE, LA QUARANTENA NUN E’ BELLA” 

Non è un gesto di irriverenza. Al contrario, una cura contro l’afflizione generata dall'isolamento. “Quarantella” è un calembour, un gioco di parole e assonanze. Un piccolo esorcismo per affrontare la detenzione forzata imposta dall'emergenza sanitaria per il COVID-19.

La guarigione della Taranta

Come la Taranta, una danza di guarigione che si riteneva generata dalla puntura di un ragno. A unirsi virtualmente per cantare e suonare la “Quarantella” è l’Orchestra Popolare del Festival “La Notte della Taranta”. Un evento che ogni estate a Melpignano, in Puglia, porta in scena antiche tradizioni di musica e danza popolari e linguaggi colti.


Due infatti le orchestre, popolare e sinfonica, due i gruppi di ballo, popolare e classico. Si svolgerà comunque, anche il prossimo 22 agosto. Ma sarà senza pubblico, e in diretta sulla Rai. Mentre non si 
conosce ancora il nome internazionale invitato a comporre le coreografie, è già al lavoro sul progetto Paolo Buonvino, maestro concertatore della prossima edizione. Autore di colonne sonore per il cinema, premiato con il David di Donatello come miglior musicista nel 2008 per il film “Caos Calmo”, Buonvino intende unire sonorità del passato a ritmi e arrangiamenti che esprimano profondità e passione. Il passato che si proietta nel futuro.

Nel frattempo la “Quarantella”, con le inusuali parole scritte da Daniele Durante, ci racconta il tempo della quarantena. E invita a trovare nella musica, nella danza e nelle nuove forme di connessione l’antidoto al malessere quotidiano. Perché anche un ritornello diventi liberatorio in attesa della rinascita.

Qui il video del brano "Quarantella", dell'Orchestra popolare La Notte della Taranta.
 

Simona Griggio

  REDATTORE di MILANO

Giornalista e critico di spettacolo. Comincia la sua attività nel 1995 a Milano collaborando con il magazine Madame Class Figarò, ed in seguito con ...

>> continua