Geolocalizzazione

Se lo desideri puoi visualizzare notizie e spettacoli della tua provincia.

Lirica

Riflessi preziosi a Vicenza in Lirica 2019, un festival con nomi eccellenti in cartellone

Lo sfolgorio dell’oro e dei preziosi ravviverà l’edizione 2019 del festival Vicenza in Lirica, in programma dal 31 agosto al 15 settembre.

Riflessi preziosi a Vicenza in Lirica 2019, un festival con nomi eccellenti in cartellone

Che Vicenza sia la città dell'oro per eccellenza, è cosa risaputa. Anche per questo sottili bagliori d’oro accenderanno l’edizione 2019 di Vicenza in Lirica, rassegna musicale promossa dall’associazione Concetto Armonico ed in programma dal 31 agosto al 15 settembre. Evento che, non a caso, coinciderà con il Salone Internazionale della Gioielleria VicenzaOro, appuntamento di risonanza mondiale che nel festival diretto da Andrea Castello sembra aver trovato un partner ideale. 
 

Il Polidoro dell'edizione 2018 di Vicenza in Lirica

Vediamo in dettaglio cosa si vedrà

Si parte sabato 31 agosto, nella cavea del Teatro Olimpico, con la Petite Messe Solennelle di Rossini. Troveremo Michele Campanella al primo pianoforte, le voci di Barbara Frittoli, Sara Mingardo, Alfonso Zambuto, Davide Giangregorio, il coro Schola San Rocco, sotto la direzione di Francesco Erle. Altrettanto avvincente la chiusura, allorché il 15 settembre il celebre basso Ferruccio Furlanetto sarà protagonista del recital I miei 45 anni con la musica, con Natalia Sidorenko ad accompagnarlo al pianoforte. Occasione perfetta per consegnargli il Premio alla carriera 2019, assegnato dal festival vicentino a personalità di spicco del panorama lirico mondiale. 

Nel corso del festival, inoltre, il mezzosoprano Monica Bacelli terrà una master class di canto lirico, i cui allievi si esibiranno l'1 settembre in un ricco concerto a Palazzo Leoni Montanari.

Michele Campanella

Tre le produzioni operistiche

La produzione al centro del cartellone sarà la commedia giocosa La Diavolessa di Baldassare Galuppi su libretto di Carlo Goldoni, in scena il 5 e 8 settembre con la regia di Bepi Morassi e la direzione di Francesco Erle. Revisione della partitura a cura di Franco Rossi, che prosegue la sua collaborazione con Vicenza dopo il successo del Polidoro di Antonio Lotti, dato qui in prima moderna l'anno scorso. 

Il cortile di Palazzo Leoni Montanari ospiterà invece l'8 settembre la seconda opera, Bacocco e Serpilla, un intermezzo di G. M. Orlandini affidato nella parte strumentale all’ensemble Cenacolo Musicale diretto da Donatella Busetto. L’evento è frutto della collaborazione con l’associazione Barocco Europeo di Sacile, che ospiterà poi a San Vito al Tagliamento il 12 settembre un concerto con musiche tratte da La Diavolessa, diretto sempre dal maestro Erle. Tutte queste esecuzioni vedranno mettersi in gioco i giovani talenti vocali scoperti da Vicenza In Lirica nel coro di apposite audizioni.
 

Francesco Erle e la Schola di San Rocco


Garbata comicità anche nella terza opera in programma, L’elisir d’amore di Donizetti che prevede la direzione musicale di Sergio Gasparella e la regia di Piergiorgio Piccoli. Gli interpreti principali usciranno ai primi di giugno dal primo Concorso Lirico Tullio Serafin di Cavarzere, città natale del grande maestro veneto. Saranno preparati al debutto nell'apposito laboratorio di Opera Studio, tenuto da Gasparella, Piccoli e dal soprano Barbara Frittoli. L’elisir d’amore andrà in scena il 13 e 14 settembre all’Olimpico, con due repliche in ottobre al Teatro Comunale di Thiene.
 

Gilberto Mion

  Redattore

Studi ad indirizzo classico. Già collaboratore del quotidiano Il Gazzettino, della rivista Pagine Venete e di altre testate regionali, ha&n...

>> continua