Danza

Vignale Monferrato Festival, la danza che unisce

Il cartellone della quinta edizione di Vignale Monferrato Festival ribalta gli schemi classici della programmazione, coinvolgendo cittadini, artisti e spettatori un un’esperienza culturale di tipo comunitario.

Stack Cats - Gandini Juggling
Stack Cats - Gandini Juggling

Dal 25 giugno al 6 luglio la quinta edizione di Vignale Monferrato Festival scende in strade, piazze e palazzi, rinnovandosi per rilanciare la vocazione del territorio monferrino, che si estende tra colline e vigne ed è stato riconosciuto patrimonio UNESCO nel 2014.

Un festival diffuso, che abita i luoghi e unisce proposte internazionali alle eccellenze del territorio, con particolare attenzione alla creatività giovanile e al coinvolgimento delle comunità locali: un autentico laboratorio, capace di unire cittadini, artisti e spettatori in un’esperienza culturale a 360°.

“L’evento spettacolare – commenta Matteo Negrin, direttore di Piemonte dal Vivo - diventa un appuntamento di grande richiamo che interpella intere comunità di pratica raccolte intorno ad interessi condivisi. Un inizio e una fine con al centro la condivisione e la relazione, espressi dalla danza, dove tutto è presente in quell'istante, corpo e anima. Perché la danza unisce”.
 

Matteo Negrin

Un programma audience oriented

Il cartellone 2019 ribalta gli schemi classici della programmazione, presentando non solo coreografi e danzatori, ma anche specifiche comunità che contribuiranno a sviluppare i temi del festival attraverso percorsi di residenza artistica con spettacoli, workshop e momenti di formazione per il pubblico: il workshop “Quello che ci muove”, rivolto a operatori, artisti e pubblico nelle giornate di sabato 29 giugno e sabato 6 luglio, intende interrogarsi sui temi dei processi creativi e della produzione contemporanea, partendo dagli spunti offerti dalle attività del festival.

La prima settimana di festival si apre con due residenze artistiche: lo Spazioovest – nuovo centro delle arti dal vivo del Monferrato – verrà abitato dal 25 giugno da Daniele Ninarello, danzatore e coreografo piemontese, con un gruppo di persone affette da Parkinson che praticano la danza. Il progetto di residenza nasce dalla collaborazione tra il Centro per la Scena Contemporanea di Bassano del Grappa e la Lavanderia a Vapore di Collegno. Ninarello e i suoi danzatori condivideranno con il pubblico di Vignale delle prove aperte, nel format Rendez Vous, dal 25 al 27 giugno alle ore 19 nei Giardini Bassi di Vignale. Conclusione del loro percorso venerdì 28 giugno con il momento finale di Azzurro scuro, alle ore 21.

La coreografa e danzatrice israeliana Ella Rothschild sarà impegnata dal 27 giugno in una residenza con i partecipanti al percorso intensivo volto alla formazione di danzatori professionisti grazie al confronto con esperienze di profilo internazionale: sabato 29 giugno alle ore 21 verrà presentata al pubblico la creazione What's Up?
 

Temi internazionali, tra danza e circo

L’inaugurazione del festival il 28 giugno Vignale è affidata allo spettacolo 360°, con i danzatori di Kibbutz Contemporary Dance II Company, in prima nazionale: un esperienza di danza totale, che caratterizza il dialogo teatrale tra la compagnia e il proprio pubblico.

Il 29 giugno un’altra compagnia israeliana debutta a Vignale: Sol Dance Company, un ensemble di otto danzatori, presenta TOML – Time of My Life, spettacolo ispirato da sentimenti e temi come il sacrificio, l’amore, il dono, la leggerezza, la paura, la delusione.

Domenica 30 giugno tornano a Vignale i Gandini Juggling, una delle più prolifiche e interessanti compagnie di circo contemporaneo al mondo. La nuova creazione, Stack Cats, rilegge il mood di Smashed, il lavoro ispirato a Pina Bausch, che negli ultimi dieci anni ha incantato il pubblico mondiale.
 

Les nuits barbares


Sabato 6 luglio il festival si chiude con una grande festa: Balerhaus di Sanpapié/Teatro della Contraddizione, una serata danzante con orchestra dal vivo, con danzatori esperti che trasmettono i primi rudimenti di ogni ballo, perché ognuno possa scatenare in libertà la propria danza.

Da segnalare, infine, la collaborazione con il Golf Club Margara di Fubine, una location suggestiva, immersa nel verde delle colline del Monferrato, che ospita due “Secret Show”, all'insegna dell’incontro tra danza e musica, nel tardo pomeriggio di sabato 29 giugno e venerdì 5 luglio.

 

Roberto Mazzone

  Redattore

Torinese, inizia a scrivere di spettacolo nel 2003 - e dal 2006 per l’allora Teatro.Org - specializzandosi progressivamente nel teatro musicale e ne...

>> continua