Geolocalizzazione

Se lo desideri puoi concedere il consenso alla localizzazione per visualizzare notizie e spettacoli della tua provincia.

Oppure puoi selezionare manualmente la tua provincia:

Danza

Prima edizione per Orbita, la rassegna di danza contemporanea 

Performers di danza in scena da marzo a maggio a Roma, questo è l’obiettivo del progetto di promozione della danza contemporanea.

Un Poyo Rojo
Un Poyo Rojo © Maguy Pichinini

Lo Spellbound Contemporary Ballet, da sempre impegnato nella costruzione di progetti per il pubblico che abbiano anche una visione internazionale, per la prima volta si trova a dirigere Orbita, una stagione di danza in collaborazione con la Fondazione Roma Tre Teatro Palladium.

Sei appuntamenti per dieci progetti performativi, tre prime nazionali e due prime romane per un programma che accoglie le creazioni di artisti provenienti dall’Argentina, dall’Olanda, dal Regno Unito e, naturalmente, dall’Italia. 

> GLI SPETTACOLI IN SCENA IN ITALIA <


Al Teatro Palladium dal 25 marzo al 21 maggio, attraverso la fusione nel processo creativo di realtà nazionali e internazionali, con artisti emergenti e affermati a confronto, verrà analizzata la danza e la sua evoluzione con il focus sulla complessità del momento, cercando risposte anche attraverso la lente del pubblico coinvolto in incontri prima di ogni spettacolo, superando il confine del mero fruitore e diventando attore in un dibattito aperto.

Le identità omosessuali e transessuali, gli effetti del colonialismo, l’esperienza pandemica, la violenza domestica, il rapporto fra memoria e stress post-traumatico, gli orizzonti del transumanesimo, l’omaggio a Pasolini e quello a Nigel Charnhock, fondatore della celebre compagnia DV8 – Physical Theatre, sono le tematiche fulcro della programmazione.

Locandina

Alcune anticipazioni sulle proposte in scena

Orbita apre il 25 marzo con uno spettacolo che dal 2008 ha superato 1400 repliche in oltre 30 paesi: Un Poyo Rojo. La spettacolo è una coproduzione franco-argentina che unisce teatro, danza e performance acrobatica, firmata dai coreografi, danzatori e attori Alfonso Barón, Luciano Rosso e Hermes Gaido. Fra divertimento e commozione, lo spettacolo è un invito libertario, giocoso e politico a esplorare tutto il ventaglio delle possibilità fisiche e spirituali dell’essere umano.

Il 2 aprile è il momento di Enzo Cosimi, uno dei coreografi e registi italiani più autorevoli della danza contemporanea internazionale, con tre progetti fra performance e installazione dal titolo Il corpo originario – Sistemi polifonici installativi

Il 28 aprile Marco D’Agostin presenta  Best Regards, un omaggio al coreografo britannico Nigel Charnhock, scomparso nel 2012.

Infine la coreografa di origine serba Dunja Jocic presenta The Previous Owner, uno spettacolo che esplora il tema del transumanesimo. 

Mary Ferrara

  CAPOREDATTORE

Romana de’ Roma – e ne va fiera: Maria Domenica (o come la chiamavano tutti, Mary) è da sempre amante dello spettacolo. Dopo un master in comunic...

>> continua