Geolocalizzazione

Se lo desideri puoi concedere il consenso alla localizzazione per visualizzare notizie e spettacoli della tua provincia.

Oppure puoi selezionare manualmente la tua provincia:

Arte fuori dal palco

Carlo Goldoni o la Geometria del Desiderio

Casa Goldoni a Venezia sempre più palcoscenico

Carlo Goldoni o la Geometria del Desiderio

Casa Goldoni è ormai un luogo poliedrico, non più solo contenitore di cimeli e memorie goldoniane, ma spazio vivo e aperto alla cittadinanza. Lo dimostra il fittissimo calendario che da gennaio ha visto incrociarsi segmenti di diversa natura: messe in scena o performances, presentazione di volumi, incontri di palcoscenico, serate a tema come quella dedicata a Carmelo Bene appena una settimana fa. Gli appuntamenti, completamente gratuiti, tessono una trama di intrecci con altre realtà cittadine, da Ca' Foscari alla Fondazione Giorgio Cini, ma gettano anche un ponte verso scenari teatrali che nascono in altri contesti, è il caso del Teatro Due di Parma di cui è stato presentato il trentennale lavoro sulla memoria e sull'Olocausto.
 

L'amore e le sue linee parallele
Carlo Goldoni o Geometria del desiderio è l'ultimo appuntamento di aprile. Il titolo prende spunto dal quasi omonimo saggio in  di René Girard, in cui l'autore riporcorre la letteratura, da quella cortese al romanzo contemporaneo, cercando di dimostrare come i grandi scrittori siano stati, per l'appunto, geometri del desiderio:  la storia di Paolo e Francesca che corre parallela a quella di Lancillotto e Ginevra è sicuramente uno dei casi più eclatanti. L'intera storia della letteratura sarebbe insomma un processo di costruzione che si muove per linee parallele o figure geometriche costantemente contaminate da forme di mimesi o di autoinganno.
 

Parole e canto in un unico spazio scenico
Lo spettacolo utilizza gli stessi presupposti di indagine anche sui personaggi e le scene di Carlo Goldoni, a cominciare dalla presenza in scena di un'attrice e di una cantante lirica, Anna Gaia Marchioro e Lisa La Pietra, che alternando frammenti recitati alle arie cantate, come quelle musicate da Wolf Ferrari negli anni '30 del Novecento, attraverseranno figure, luoghi, vicende e sentimenti della letteratura goldoniana così come immortalati dal celebre drammaturgo nelle sue opere. Tutto questo senza mai perdere di vista la geometria delle relazioni dominate dall'amore e dalla passione, sia quest'ultima davvero vissuta o semplicemente narrata.

Angelo Callipo

  Redattore

Laureato in Lettere Classiche, si è formato all' Accademia del Teatro Politeama di Napoli e all' Istituto Nazionale del Dramma Antico di Siracusa. Do...

>> continua