Geolocalizzazione

Se lo desideri puoi concedere il consenso alla localizzazione per visualizzare notizie e spettacoli della tua provincia.

Oppure puoi selezionare manualmente la tua provincia:

Teatro

Intervista a Daniela Cenciotti

Intervista a Daniela Cenciotti
L'abbiamo ammirata di recente come attrice in "Boeing Boeing" e adesso come regista in "Virginia e sua Zia", quale il ruolo che predilige? Ci spieghi il perchè.
Non sono due ruoli contrapposti tra i quali scegliere, ma due punti di vista
diversi per raggiungere lo stesso risultato, uno spettacolo piacevole.
Poi dipende dai testi per alcuni mi sembra stimolante pensare alla regia per
altri mi piacerebbe interpretarli come attrice. L'unica cosa che per ora so
è che non riesco a fare la regista a me attrice

Cosa le è piaciuto di questa Regia?
Lavorare con Gina Perna, attrice di grande spessore umano e lavorativo, che mette a servizio del testo tutta la sua esperienza in modo magistrale, ma non solo con Gina. Ma anche con Gino Sacco che ha ideato la scenografia e con Paola Esposito che collabora con noi ed è la mia assistente alla regia. E poi l'atmosfera di grande complicità che caratterizza la nostra piccola compagnia tutta formata da professionisti

Quale consiglio si sente dare a chi intraprende questa professione?
Soprattutto di essere curioso, sempre e comunque.
Leggere, informarsi, non dare mai nulla per scontato, pensare che questo
mestiere si fa da troppo tempo per avere la presunzione di essere i primi.
Altri lo hanno fatto prima e altri lo faranno dopo, e ogni volta che si sale
su un palcoscenico portiamo l'esperienza di chi lo ha fatto prima. E poi
come diceva un mio Maestro. Maglia di lana e salute di ferro!

Quali progetti per l'immediato futuro?
Nessuno. Sia come attrice che come regista sono disoccupata. Continuerò
invece a seguire i miei allievi (insegno recitazione allo STUDIO 92 di Lago
Patria) con i quali stiamo preparando lo spettacolo di fine anno.

Ha un sogno?
Mi piacerebbe che i nostri governanti non fossero così biecamente convinti
che il Popolo Bue è meglio governabile.
E che tutti noi ricordassimo che tutto quello che arriva con troppa facilità
non è poi così "di valore" e che il bello è sempre un po' nascosto e
bisogna cercarlo.

Si faccia una domanda che desidera le fosse posta e si dia una risposta.
Le risposte sono come la regia, danno un altro punto di vista. Per questo
non so farmi una domanda. Preferisco scoprire nuovi punti di vista
attraverso le domande degli altri.

La Redazione di Teatro.it

  Redattore

La Redazione di Teatro.it Portale Nazionale di Teatro e Spettacolo...

>> continua