Paola e i leoni

Informazioni principali

Autore
Aldo De Benedetti
Regia
Fabio Gravina
Un onorevole di destra è fortemente attratto da una giornalista di sinistra, bella, elegante, raffinata e colta. Ma nonostante la corte serrata dell’onorevole ed i continui inviti a casa sua, la donna non cederà alle avances. Una sera, un uomo s’introdurrà in casa dell’onorevole e, nascondendosi dietro il divano, avrà modo di ascoltare le sue conversazioni. Da quel momento la vita del politico cambierà in meglio. Il terzo incomodo, l’ospite segreto, è un poeta squattrinato che abita in un piccolo appartamento all’ultimo piano, conduce una vita di stenti perché, malgrado sia un valido uomo di penna, i suoi lavori non sono mai stati rappresentati. Ecco perché il geniale writer avrà un’idea che è una parafrasi del Cyrano: le sue commedie verranno rappresentate ma non con il suo nome, bensì con quello del deputato, certo del successo che otterrà grazie al nome prestigioso dell’autore…
Laura Monco, Fabio Gravina, Giovanni carta

Calendario dello spettacolo

Nessuna replica in programma

Recensioni

La recensione è di Lavinia Coniglio
Voto

Il gioiellino Teatro Prati diretto da Fabio Gravina, ha accolto sul palcoscenico il debutto de Paola e i leoni, per la regia dello stesso direttore.