LA STRANA COPPIA
Commenta lo spettacolo! Leggi le recensioni dei Redattori!


I Commenti

I Commenti degli Utenti

Questo spettacolo non ha ancora commenti.
Sai che puoi inserirne uno?
Per farlo clicca su Commenta lo Spettacolo!

Inoltre, puoi dargli un voto cliccando il pulsante Vota questo Spettacolo
qui in alto e puoi ricevere un promemoria via e-mail quando inizieranno le repliche, con il servizio Show Alert.

LO SPETTACOLO

Autore: Neil Simon
Regia: Gianni Fenzi
Genere: commedia
Compagnia/Produzione: Stemal
Cast: Massimo Lopez e Tullio Solenghi e con Maurizio Battista, Giuliano Chiarello, Paolo Gattini, Maura Ragazzoni, Enzo Saturni, Serena Troiani

Descrizione
La strana coppia è un esempio di come Neil Simon, il più geniale e prolifico autore del teatro comico della seconda metà del ‘900, riesca sempre a trovare quel pizzico di simpatica follia nella vita di tutti i giorni. È la più celebre commedia scritta da Simon e narra la difficile e complicata convivenza tra due uomini dalle personalità diametralmente opposte.

I due personaggi, Felix ed Oscar, accomunati da un divorzio alle spalle, decidono di andare a vivere insieme in un appartamento situato in uno dei tanti grattacieli sulla Riverside Drive, a New York. Questo incontro-scontro quotidiano darà vita a continue ed esilaranti gags garantendo sicuro divertimento nella nuova versione teatrale proposta dalla produzione Stemal ed interpretata dalla “inedita” coppia Massimo Lopez e Tullio Solenghi.

A Oscar che gli propone di continuare a vedersi insieme agli altri amici per il solito pokerino, malgrado le ultime clamorose litigate, Felix risponde di non aver chiuso affatto con il poker, perché i matrimoni vanno e vengono, ma la partita è come lo show: deve continuare.

Succede nel finale di questa strepitosa commedia di Neil Simon.

I due si salutano con un lapsus che più freudiano non si può: si chiamano con i nomi delle rispettive mogli dalle quali hanno divorziato da tempo o stanno per divorziare. Commedia singolarissima e particolarmente attuale anche se datata. È la storia di Oscar Madison, sciagurato strafalcione, incurante di ogni elemento che possa riportare ad una buona educazione.

Privo di sentimenti che non siano l’esaltazione del proprio ego.

Divorziato da Blanche da tempo, ma ormai abituato a vivere da solo nel disordine e nella sporcizia, pur non rinunciando ad una certa fierezza, ed esaltandosi nella dimensione di “scapolone” ritrovato.

L’altro personaggio, alter ego di Oscar, è Felix Hungar. Il suo opposto.

Anche lui vive un momento di grande tensione per la separazione dalla moglie Frances dalla quale è stato addirittura cacciato da casa.

Si capirà il perché considerato il fatto che Felix è un rompiscatole cosmico, meticoloso per la pulizia e l’ordine, al punto che dopo la donna di servizio e la moglie interviene lui costantemente a ripassare stracci e straccetti e a spolverare o pulire con l’aspirapolvere, non fidandosi nemmeno un po’ delle competenze delle sue donne di casa.

La commedia inizia con un gruppo di amici di Oscar radunati in casa sua per il solito pokerino. Purtroppo la serata è abbastanza tesa per l’assenza di Felix. Tutti sanno che è stato lasciato dalla moglie e non vedendolo sospettano il peggio. Pensano che possa aver fatto una sciocchezza.

In realtà dopo un po’ Felix si presenta e naturalmente manda a monte la serata con partita connessa.

Le sue condizioni psicologiche assolutamente critiche, convincono l’amico Oscar a tenerlo con sé offrendogli la camera degli ospiti.

Tutto questo per evitare qualsiasi gesto di follia. La convivenza fra i due si rivela deleteria. E tra gags infinite e sconquassi continui, litigate feroci e tenerezze quasi da marito e moglie, i due passano i giorni non accorgendosi di riproporre con il loro atteggiamento le stesse situazioni che li avevano spinti, uno a scappare dalla moglie, l’altro ad essere sbattuto fuori di casa per raggiunti limiti di sopportazione.

Arrivano addirittura al paradosso di non riuscire quasi a staccarsi da questa ridicola situazione. Ma il forzato idillio della “strana coppia” è destinato ad avere un finale che sembra un film già visto: la separazione. Con l’augurio naturalmente di non rinunciare almeno al famigerato poker.
Date repliche a cura di
La Redazione
Scheda spettacolo a cura di
La Redazione

LA LOCATION

NUOVO GIOVANNI DA UDINE
v. Trento 4 - Udine (UD)
Tel: 0432 248411
Fax: 0432 248420
Email: info@teatroudine.it; calligaris@teatroudine.it Sito Web: www.teatroudine.it/


LE REPLICHE Posizionati sulla data per conoscere orario e prezzo max

Repliche passate (dal 23/11/2004 al: 27/11/2004)

LE RECENSIONI


La recensione di Francesco Rapaccioni

Fabriano, teatro Gentile UNA PERFETTA STRANA COPPIA La strana coppia è un esempio di come Neil Simon riesca sempre a trovare un pizzico di comicità e di simpatica “follia” nella vita di tutti i giorni. È senza dubbio la più celebre commedia scritta da Simon e narra della difficile e alquanto complicata convivenza tra due uomini dalle personalità diametralmente opposte: Felix (Massimo Lopez), è maniaco della precisione, ossessionato dalla pulizia e inconsolabile, mentre Oscar (Tullio Solenghi), è esasperatamente disordinato, pragmatico, imprevedibile e benevolmente crudele. I due amici, accomunati da una separazione alle spalle, già accettata quella di Oscar, recentissima e mal digerita quella di Felix, decidono di convivere insieme nell’appartamento di Oscar, a New York, in cui una volta alla settimana si ritrovano con amici a giocare a poker. Questo incontro-scontro quotidiano dà vita a continue ed esilaranti gags. Particolarmente divertente il momento in cui Oscar invita a cena due vicine di appartamento e coinvolge Felix ad armeggiare con pentole e padelle. Alla fine i due amici arrivano, con fatica, a scoprire ed accettare le reciproche debolezze e manie, in modo tale da smussare, finalmente, i lati più spigolosi dei loro esasperanti brutti caratteri. Lo spettacolo offre l’occasione per riflettere sulla fragilità e sulle nevrosi “cittadine” dell’animo umano e sul valore dell’amicizia, che, se vera, non può essere messa in crisi da contrasti quotidiani. Neil Simon sollecita nel pubblico un processo di identificazione con i personaggi, guardando alla fine con ottimismo ed ironia al proprio futuro. Il testo è sempre divertente ed ironico senza mai scadere nel volgare e nel banale, sia nelle situazioni che nelle battute. La scena ed i costumi ricreano l’ambientazione americana degli anni Sessanta, periodo in cui la commedia è stata scritta e rappresentata in un film che ha fatto epoca. In Italia è memorabile la versione teatrale degli anni Ottanta al femminile, protagoniste Rossella Falk e Monica Vitti. Qui Solenghi e Lopez sono bravi nei ruoli dei protagonisti, come è adeguata la regia di Gianni Fenzi ed azzeccate le musiche di Fabio Frizzi. FRANCESCO RAPACCIONI Visto a Fabriano, teatro Gentile, l’8 gennaio 2005.
Leggi le altre recensioni dello stesso autore

Per saperne di più su Show Alert, clicca qui.

IL CARTELLONE

Pubblicità Spettacoli Teatro
Login    Contatti    Dalla Redazione    Privacy    Preferiti    Imposta come Homepage - Siti partner: Lavoro, Arredamento

© 2003-2014 Teatro.it snc di Triglia Demetrio & C. - via Vigevano, 15 - 20144 Milano (MI) - PI: 08617960961 - R.E.A. Milano 2037420 del 11/04/2014
Iscrizione al ROC 248522 del 19/05/2014 - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano il 30/05/2008 - n. 342 - Direttore Responsabile Fabienne Agliardi This website is ACAP-enabled