commedia

Non farmi ridere sono una donna tragica

Informazioni principali

Autore
Massimo Andrei
Regia
Massimo Andrei
Lo studio sull’amore è trifase: I fase – Silvana è delusa dall’amore, o meglio, dagli amori della sua vita. Uno l’ha lasciata, uno le fa perdere tempo, uno è morto e un altro è desideratissimo. In realtà voleva risposarsi con uno o sistemarsi nel benessere di un altro Ma non riesce a intessere una storia, né a innamorarsi, né a fare innamorare gli altri. Niente amore, niente uomini. Nel momento della massima frustrazione e tragica esistenza…va a prendere possesso dell’eredità di suo marito appena morto: una villa. Qui incontra un suo antico amante, Carmine, che fa il giardiniere e che la invita a risollevarsi. A riprendere in mano la sua vita. Silvana, dura come sempre, attacca e colpisce sui sentimenti anche il giardiniere. II fase – Silvana cambia tutto della sua esistenza: casa, economia, approccio col mondo esterno, rapporto col figlio, rapporto col proprio corpo…travolge il giardiniere in un ballo estenuante…finisce per esagerare, ma nonostante questo crede di aver trovato l’amo
GEA MARTIRE – MASSIMO ANDREI

Calendario dello spettacolo

Nessuna replica in programma

Recensioni

La recensione è di Salvatore Di Marzo
Voto

Cos'è, cos'è l'amore? Molti si sono interrogati sulla natura di questo sentimento in poesia, in filosofia prosa, ed in psicoanalisi. E sull'amore riflette anche Massimo Andrei nel suo divertente spettacolo Non farmi ridere, sono una donna tragica. Studio sull'amore... inutile (con Gea Martire e lo stesso Andrei).