I Commenti degli utenti di Teatro.it

Torna allo spettacolo    

 Sei personaggi in cerca d'autore


Sei personaggi in cerca d’autore.
Di sicuro una grande sfida mettere in scena un simile testo. E già il solo fatto di provarci è senza dubbio da ammirare. Comprensibile la voglia di sperimentare per evitare di annoiare il pubblico con uno spettacolo trito e ritrito. Ma questo allestimento proprio non sono riuscito a digerirlo.
Perché sono state tolte alcune “scenette” degli attori della compagnia come l’arrivo in ritardo alle prove della prima attrice, ad esempio? E perché la critica ai sessantottini? Cosa c’entra con lo spettacolo? Non bastava il magnifico testo di Pirandello? Che bisogno c’era di aggiungere battute che, a mio avviso tengo a precisarlo, non soltanto erano fuori luogo ma addirittura fastidiose? E poi non mi sembrava che questo allestimento fosse ambientato dopo il 1968, a giudicare dai costumi eppure…
Ma veniamo alla cosa che più di ogni altra mi ha davvero infastidito e deluso: la figliastra. Perché farla parlare con l’accento napoletano? Mentre invece la Madre, sua madre, parla con una perfetta dizione italiana, senza nessuna inflessione. Per non parlare della S “viziata“ della sua interprete. E la risata della figliastra dove è finita? Forse se l’è dimenticata in camerino? E la sua voglia di vendetta? Francamente mi è sembrata una macchietta, una caricatura di quel meraviglioso personaggio che è la figliastra.
E il figlio. Lui non è quello che è stato costretto ad essere lì? Non è quello che non vuole rappresentare nulla? E allora perché, quando il padre convince il Capocomico ad andare in camerino per scrivere la scena, il Figlio è il primo a partire per andare in camerino? Non è una contraddizione?
E pure quando sono andato io un cellulare è squillato e il Capocomico ha esortato a rispondere. Sarà una coincidenza? Chissà...
Francamente sono rimasto molto deluso da questa edizione dei Sei personaggi. E mi ha fatto male perché è un testo che adoro. Ed è stata la prima volta che non ho applaudito alla fine.
Milano, teatro Carcano, 19 Febbraio 2006
Autore del commento: Ricky74