I Commenti degli utenti di Teatro.it

Torna allo spettacolo    

 Margarita e il gallo


Margarita e il gallo, una commedia spiritosa e mai volgare

Al teatro Manzoni di Milano dal 7 marzo al 2 aprile si può assistere alla commedia “Margarita e il gallo” . Edoardo Erba , lo scrittore del testo ,nonché marito della prima attrice Maria Amelia Monti, ha confezionato una storia ambientata nel 1500, con le maniere del teatro di Machiavelli, ma con lo spirito libero e beffardo di oggi.
E ‘ una grande prova di intelligenza e di abilità teatrale. Un artigiano fiorentino,(Gianfelice Imparato) tipografo, aspira a divenire libraio di corte. Per arrivare al suo scopo è disposto perfino ad offrire sua moglie Bianca (Giulia Weber)al nobile Morello. La consorte ignara deve partire quella sera stessa a curare la madre che sembra moribonda. Allora il tipografo, usando della sua astuzia , offre la servetta appena assunta Margarita(Amelia Monti) che sembra un’ingenua ragazza di campagna.
In realtà lei, essendo figlia di una strega , si difende in modo tutt’altro che ingenuo, con un incantesimo che scambia i due corpi, il suo e quello del padrone. Da ciò una serie di equivoci divertentissimi, che condurranno poi al lieto fine . La servetta è chiesta in moglie dal visconte, la moglie e il marito si riconciliano, con la complicità del furbo parroco, (Franco Barbero) sacerdote un poco ruffiano, disposto ad ogni compromesso pur di arrivare a pubblicare il suo libro di poesie….
Tutti restano infine contenti, il visconte Morello(Francesco Meloni) che si è innamorato di Margarita e la sposa, il tipografo che ottiene il suo posto a corte, il parroco che vede la pubblicazione del suo libro e Margarita , che da Cenerentola diventa viscontessa.
La bellezza della commedia è che riesce a trattare temi scabrosi come la prostituzione o l’omosessualità in modo spiritoso e pulito, senza mai scadere nel volgare. Ci divertiamo alle avventure dei protagonisti e godiamo con loro il lieto fine , senza mai avere scene sgradevoli o di dubbio gusto: questa la finezza del regista (Ugo Chiti) e dello scrittore Erba , che ha ritagliato un ruolo brillante e estroso per la moglie, attrice di gran classe e spiritosa strega.Gli applausi e il piacere del pubblico sono visibili.
serena polizzi


Autore del commento: serenapolizzi