IL BERRETTO A SONAGLI
Commenta lo spettacolo! Leggi le recensioni dei Redattori!
Il berretto a sonagli


I Commenti

I Commenti degli Utenti

Questo spettacolo non ha ancora commenti.
Sai che puoi inserirne uno?
Per farlo clicca su Commenta lo Spettacolo!

Inoltre, puoi dargli un voto cliccando il pulsante Vota questo Spettacolo
qui in alto e puoi ricevere un promemoria via e-mail quando inizieranno le repliche, con il servizio Show Alert.

LO SPETTACOLO

Autore: Luigi Pirandello
Regia: Nucci Ladogana
Genere: commedia
Compagnia/Produzione: Cantieri Teatrali del Terzo Millennio
Cast: Flavio Bucci, Diana De Toni, Gioietta Gentile, Giorgio Carminati, Renato Campese, Luigi Mezzanotte, Anna Casalino, Bea Boscardi

Descrizione
Derivato da due novelle e scritto prima in dialetto nel 1916 per Angelo Musco, Il berretto a sonagli fu pubblicato in italiano da Luigi Legato per molti versi, nella memoria degli spettatori e lettori, alla riduzione-interpretazione in dialetto napoletano che ne diede Eduardo de Filippo a partire dal 1936, Il berretto a sonagli ha visto in scena molti fra i più affermati attori italiani. Ripulito dalla versione eduardiana e forse anche troppo protetto e redento dal suo voler essere un virtuoso filosofo delle corna, Ciampa viene riproposto sulla scena in un testo che è anche la storia del suo stesso farsi testo complesso, fra le diverse redazioni (in dialetto ed in lingua) e le differenti interpretazioni. Un Ciampa che, nel cono d’ombra dell’acre umorismo pirandelliano, rivela insospettabili tagli obliqui e un maligno gusto della perversione e della vendetta, riuscendo perfino ad attrarre a sé l’istinto uxoricida di Beatrice, complice e vittima della medesima paranoia.
Date repliche a cura di
La Redazione
Scheda spettacolo a cura di
La Redazione

LA LOCATION

GIORDANO COMUNALE
p.zza C. Battisti 21 - Foggia (FG)
Tel: 0881 773883


LE REPLICHE Posizionati sulla data per conoscere orario e prezzo max

Repliche passate (dal 10/03/2007 al: 11/03/2007)

LE RECENSIONI


La recensione di Igor Vazzaz

Il Berretto di Flavio Bucci, tra consuetudine e voglia di novità Pirandello, croce e delizia della scena italiana, autore feticcio per il “teatro d’arte” (ammettendo la concretezza d’una tale definizione), che da decenni si confronta col girgentino in un serrato rapporto di smarcamenti, reinterpretazioni, alla ricerca di vie di fuga da certe cristallizzazioni banalizzanti. Il nostro terzo Nobel letterario (dopo Giosuè Carducci e Grazia Deledda) presenta non poche difficoltà nella messa a fuoco del suo discorso teatrale, legato com’è, nell’aspetto esteriore, a un mondo perduto di comportamenti e morali ormai non coniugabili con la sensibilità contemporanea. Per contro, esiste un nucleo rovente di teatralità, una riflessione legata alla messinscena e al suo ruolo che, spesso, se non passa in secondo piano, resta cristallizzata in interpretazioni tanto reiterate da risultar false, scontate e poco avvincenti. È di fronte a questo vero e attuale dilemma pirandelliano che, spesso, si infrangono le intenzioni di tanta parte del “teatro di prosa” che inquadra l’autore siciliano come un “dovere”, spesso senza tributargli l’attenzione o l’abnegazione dovuta. Il berretto a sonagli firmato da Nucci Ladogana con Flavio Bucci nei panni del loico cornuto Ciampa rappresenta, in questo senso, un compromesso, una via di mezzo d’ardua decriptazione: da un lato, svecchiamento della tradizione pirandelliana, ignorando scientemente l’imprinting conferito a questa pièce da Eduardo in una celebre mise en scène del 1936, dall’altra ripropone gli ordinari vizi d’una prosa risaputa, un modo di fare teatro assai ordinario e difficilissimo da sostenere se non con un’impeccabile esecuzione tecnica. La scenografia, di Nicola Delli Carri, presenta un oppressivo, allucinatorio interno borghese, su cui regna il damascato rosso impero dei tre pannelli (due laterali e uno centrale, posto più indietro a creare due ingressi) al centro dei quali campeggiano cornici dorate prive di quadro: è qui che si dipana la grama storia di Beatrice Fiorìca, moglie tradita e (irragionevolmente) assetata di vendetta nei confronti del marito. Diana De Toni interpreta il personaggio con evidente pathos, spesso indugiando sulla stretta lunghezza d’una gonna grigio scuro (costumi, in stile primo Novecento, di Veera Roman) che diviene quasi oggetto di scena nel suo incedere. A cercare, senza successo, di sedare gli spiri tacci della padrona, Bea Boscardi, una Fana attempata e matronesca, esperta del mondo e dei suoi costumi, assai comica nell’impotenza buffa cui assiste alla vicenda, sottolineata dal continuo giocherellare con le nappe d’un nero scialle che la fascia del tutto. Il salotto di casa Fiorìca è teatro del dramma della gelosia della signora, cui non servono né punto né poco le raccomandazioni, le interlocuzioni e i consigli d’un fratello sperpero (un buon Giorgio Carminati, sfuggente nel porgere le battute ed efficace nei controscena), il delegato Spanò di Renato Campese e, soprattutto, dell’altra vittima delle circostanze, lo scrivano Ciampa interpretato da Flavio Bucci. L’intenzione di Bucci e Ladogana, come anticipato, è quella d’una ripulitura del Berretto, una distillazione in senso pirandelliano, giacché la storia della pièce è alquanto complicata e sofferta: l’originale, in dialetto siciliano, ispirata a due racconti del 1912 (La verità e Certi obblighi) inseriti nella raccolta Novelle per un anno, fu al centro di una diatriba con Angelo Musco, attore comico e primo interprete scenico del testo, nel 1916. La questione tra il teatrante e il professore riguarda l’intonazione della messinscena, che l’uno avrebbe voluto comica, l’altro basata sull’approfondimento esistenziale. Di fatto, al debutto andrà una versione ridotta dell’originale, nel frattempo perduto, e le due successive riscritture di Pirandello si baseranno sul testo tagliato da Musco. A complicare la storia scenica dell’opera, l’importanza del già citato allestimento eduardiano, responsabile d’una rilettura “partenopea” della storia. Bucci e Ladogana (cui s’aggiunga Ettore Catalano, collaboratore al testo) offrono quindi una versione completamente scevra dai napoletanismi e regionalismi che, a mo’ di incrostazioni, ne hanno costituito la veste principale di tante riproposizioni: si tratta d’un “ritorno alle origini”, alle reali intenzioni del suo autore, ma, data la petizione d’intenti, è inevitabile registrarne il fallimento. Sicuramente complice dell’insuccesso, una serata infelice del pubblico: la platea minuscola (sessanta poltrone circa) dei Rassicurati conferisce a un colpo di tosse, la carta di una caramella e lo squillo indesiderato di un telefono cellulare un impatto devastante e sull’attenzione degli altri spettatori e sulla tranquillità dei professionisti in scena. Si aggiunga che tali eventi si sono presentati quasi di seguito alla prima scena e ciò si è visibilmente riverberato sulla “tranquillità” degli attori, messi non poco in difficoltà da tali avverse condizioni. Al di là di tali infortuni accidentali, però, lo spettacolo s’è rivelato pesante, lento pur nell’esiguità della lunghezza, appesantito da alcune incertezze sia nella recitazione sia nelle scelte di fondo. Il “recupero” tentato s’infrange, infatti, contro l’indugiare eccessivo di Bucci in una dizione a tratti bofonchiata, quasi alla Gino Bramieri, in certe sporcature linguistiche, in certi inciampi (scientemente voluti). Ciampa è sì un perfetto filosofo ignorante, che finisce per trionfare tristemente sui “grilli” della signora, ma l’allestimento non riesce, nell’effetto finale, a emanciparsi da un senso di lungaggine e oppressiva lentezza che è la moneta corrente dei Pirandello non riusciti. Il resto della compagnia non riesce, peraltro, a riequilibrare l’effetto, dato che la recitazione è, in genere, abbastanza trascurata, basata sul mestiere e in apparenza priva d’una minima ricerca di novità, originalità rispetto al dettato del testo. Certi momenti comici funzionano, ma il risultato, rispetto al tentativo e alle potenzialità d’un testo come Il berretto, è veramente esiguo. Il pubblico applaude, noi non troppo, pur riconoscendo alla compagnia le attenuanti di una situazione non agevole. Visto a Montecarlo (Lu), Teatro dei Rassicurati, 8 gennaio 2009.
Leggi le altre recensioni dello stesso autore
Voto: Voto del Redattore: Igor Vazzaz


La recensione di Anita Curci

IL BERRETTO A SONAGLI di Luigi Pirandello, secondo una rilettura alquanto fedele di Ettore Catalano, con Flavio Bucci, per la regia di Nucci Ladogana. Di nuovo attanaglia con le sue tematiche tragico – umoristiche, il caro drammaturgo agrigentino che, per la profondità e la straordinaria capacità di mettere a nudo uomini e situazioni, non sempre riesce ad incoraggiare arrangiamenti sostanziali alle sue opere teatrali. E’ proprio in virtù di ciò che Ettore Catalano afferma: “Ho impostato il lavoro sull’ipotesi che, per rendere teatralmente convincente oggi la vicenda di Ciampa occorra ripercorrere la via seguita dallo stesso Pirandello, scartando sia la soluzione cruento-rusticana sfiorata da Quacquèo e praticata da Tararà sia lo scioglimento giocato sull’epilogo drammatico del suicidio d’onore”. Le note di particolare effetto e significato che emergono dalla messa in scena al Bellini, pongono ancora una volta in luce la concretezza delle debolezze umane e la fatica di doverle, per necessità morali, occultare attraverso tormentosi meccanismi psicologici. La società impone parvenze onorevoli, obbliga a comportamenti irreprensibili, costringe l’individuo a fabbricarsi il proprio “pupo”, la maschera della dignità da sfoggiare in pubblico, non importa se poi, in privato, ogni precauzione s’infrange, ogni rispettabilità decade, l’importante è “salvare le apparenze”. Questo è ciò che conta per lo stesso Ciampa, perno primario dell’intero intrigo intimistico, il quale, infine, travolge e avvolge attraverso la formula del paradosso, tanto affezionata al gioco pirandelliano delle ombre, la coscienza dei singoli personaggi. Tutto ha inizio quando s’insinua nella mente della signora Beatrice Fiorìca il sospetto che suo marito, il cavalier Fiorìca, stringa una relazione sentimentale con la moglie di Ciampa, scrivano alle loro dipendenze. Da qui una serie di vicende che valgono ad evidenziare una realtà ancora attuale: le apparenze e le esteriorità detengono un ruolo capitale per la collettività e sarà nuovamente l’espediente della pazzia, altre volte utilizzato, non soltanto da Pirandello ma anche da Eduardo, a sistemare ogni cosa e a vanificare lo scandalo sollevato e preteso dalla gelosia divorante della signora Fiorìca che sarà la sola a pagare un tributo notevole per aver voluto far trionfare, seppur con inutile affanno, la verità. Nell’ambito di una scenografia ricca ed elegante, dalle tonalità gradevoli del rosso porpora e del dorato, si sono mossi con squisita competenza tutti gli interpreti. Determinata, risoluta nel ruolo della signora Fiorìca si è esibita un’affascinante Diana De Toni, affiancata da Flavio Bucci nelle sembianze di Ciampa, da Giorgio Carminati nel personaggio di don Fifì La Bella, da Renato Campese nella splendida parte del delegato Spanò, molto ben impostata, da Luigi Mezzanotte nei panni del Saraceno (personaggio al femminile nel testo originale), da Bea Boscardi nelle vesti di una sapiente Fana, da Gioietta Gentile e Angela Russian, rispettivamente nella parte della signora Assunta La Bella e di Nina Ciampa Napoli, TEATRO BELLINI - 5 febbraio 2008
Leggi le altre recensioni dello stesso autore
Voto: Voto del Redattore: Anita Curci

Per saperne di più su Show Alert, clicca qui.

IL CARTELLONE


Login    Contatti    Dalla Redazione    Privacy    Preferiti    Imposta come Homepage - Siti partner: Lavoro, Arredamento

© 2003-2014 Teatro.it snc di Triglia Demetrio & C. - via Vigevano, 15 - 20144 Milano (MI) - PI: 08617960961 - R.E.A. Milano 2037420 del 11/04/2014
Iscrizione al ROC 248522 del 19/05/2014 - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano il 30/05/2008 - n. 342 - Direttore Responsabile Fabienne Agliardi This website is ACAP-enabled