L'ARTE DEL DUBBIO
Commenta lo spettacolo! Leggi le recensioni dei Redattori!
L arte del dubbio


I Commenti

I Commenti degli Utenti

Questo spettacolo non ha ancora commenti.
Sai che puoi inserirne uno?
Per farlo clicca su Commenta lo Spettacolo!

Inoltre, puoi dargli un voto cliccando il pulsante Vota questo Spettacolo
qui in alto e puoi ricevere un promemoria via e-mail quando inizieranno le repliche, con il servizio Show Alert.

LO SPETTACOLO

Autore: Stefano Massini
Regia: Sergio Fantoni
Genere: drammatico
Compagnia/Produzione: La Contemporanea
Cast: Ottavia Piccolo e Vittorio Viviani; Gioele Dix (voce del serpente)

Descrizione
Uno spettacolo tratto da un libro di tattica e di strategia processuale: un racconto articolato in quadri, alle volte rivolgendosi direttamente al pubblico in sala, alle volte affidandosi allo strumento dell'interrogatorio e alla forma del processo. Una moderna commedia dell'arte con molti spunti di riflessione sul rapporto tra linguaggio, persuasione e verità nelle nostre società contemporanee

Date repliche a cura di
Roberto Mazzone
Scheda spettacolo a cura di
Roberto Mazzone

LA LOCATION

DELLA SOCIETÀ
Piazza Garibaldi, 10 - Lecco (LC)
Tel: 0341 271870
Fax: 0341 391909
Email: teatro@comune.lecco.it Sito Web: www.comune.lecco.it


LE REPLICHE Posizionati sulla data per conoscere orario e prezzo max

Repliche passate (dal 20/03/2012 al: 20/03/2012)

LE RECENSIONI


La recensione di Wanda Castelnuovo

L'arte del dubbio

Uno spettacolo serio, divertente e profondamente ironico interpretato da due bravissimi protagonisti quali Ottavia Piccolo e Vittore Viviani non solo caratterizzati da indiscutibile e palese professionalità, ma anche da una sodale e gradevolissima complicità che - senza nulla togliere alle profonde riflessioni indotte - rende fluidi questi simpatici dieci comandamenti dettati dalle mene del maligno.
Tratto dall’omonimo libro di Gianrico Carofiglio, ridotto a testo teatrale da Stefano Massini, e diretto con tocco sapiente dalla regia di Sergio Fantoni, lo spettacolo invita il pubblico in un teatrino, completo di sipario, lucette e ribaltina, dove i nostri abili trasformisti con l’ausilio di sagome lineari ed essenziali e di qualche parrucca e barba finta impersonano i numerosi personaggi di questa disquisizione semiseria.
Tutto radica nientepopodimeno nel Paradiso Terrestre dove la debolezza dei nostri antichi progenitori ci ha lasciato come imperitura pena il dubbio: tortura eterna e/o magnifica espressione della nostra intelligenza tanto da permettere di trasformare il cartesiano cogito ergo sum in dubito ergo sum.
Così tra le righe emerge prima di tutto la quotidiana fatica del giudicare con tutte le sue implicazioni e sfaccettature morali e psicologiche.
Non bisogna dimenticare che l’autore è un magistrato il quale attraverso il manualetto (sulla tecnica dell’interrogatorio come era nato al momento della prima pubblicazione) - alla cui lettura si viene stimolati - invita non solo i colleghi a non presumere troppo cadendo in supponente superficialità e nello stesso tempo a non esagerare in un’estenuante analisi che impedisce di giungere a conclusioni.
Esortazione, quindi, estendibile affinché ciascuno sviluppi un’autonoma capacità di giudizio da contrapporre al quotidiano imperare di mode e condizionamenti operato dai mass media non sempre tendenti all’oggettività, ma pronti a giocare con le notizie scoop o peggio con la sottile e serpentiforme arma del dubbio da instillare goccia a goccia per gettare fango sull’onestà.
Un mondo di miserie, silenzi, ambiguità e omertà difficile, ma non impossibile da smascherare; basterebbe un po’ più di coraggio che, se venisse usato da tutti, non farebbe così paura… e non lascerebbe impuniti disonesti e corrotti che, occupando il potere, paiono intoccabili.
Una faticosa strada verso la verità sfaccettata e multiforme attraverso simpatici anagrammi che ne evidenziano la sua difficile raggiungibilità con il gradevole accompagnamento delle musiche per dieci strumenti eseguite dal vivo dal valente Nicola Arata.

Visto il 29/02/2012 a Milano (MI) Teatro: Carcano

Leggi le altre recensioni dello stesso autore
Voto: Voto del Redattore: Wanda Castelnuovo


La recensione di Damiano Verda

L'arte del dubbio

Un sipario, dietro il sipario. E in scena Vittorio Viviani e la straordinaria Ottavia Piccolo. Così prende il via, tra una battuta e l’altra, la rappresentazione teatrale de “L'Arte_Del_Dubbio”, tratta dal fortunato testo di Gianrico Carofiglio.

Poco dopo, al centro della rappresentazione, plasticamente, si farà largo un concetto: LA VERITÀ. Tutta maiuscola, per carità. Senza aggiungere né togliere nulla però, basta riordinare idee e lettere con un po’ di arguzia e un piccolo anagramma ci consentirà di osservare la parola: RIVELATA. La verità è tale a seguito di una scoperta. Di più, diventa tale a seguito di una scoperta.

E se questa indagine, questo processo di rivelazione, non avesse mai luogo? Ancora un gioco di parole, ancora una volta, le stesse lettere: RELATIVA. Così, in breve, soltanto rimettendo insieme in modo diverso il frutto dei nostri pensieri, da un’immagine forte come quella della verità siamo passati a un vocabolo completamente diverso: RELATIVA. Relativa, perciò fonte di angoscia, di dubbio.

Il dubbio. Ecco il filo conduttore che ci guiderà nella narrazione di diversi episodi: ora comici, ora vibranti, ora struggenti. Musica in sala, mai banale, ad accompagnare: discreta, ma non scontata. Come sfondo, una scenografia dinamica. Si potrebbe dire, anch’essa relativa: capace cioè, grazie ad una messa in scena curata fin nei dettagli, di adattarsi allo stile e al ritmo della narrazione.

Un decalogo ci fa da pro memoria, per questa ora e mezza. Le dieci regole del dubbio: come suscitarlo, come individuarlo, come comprenderlo. L’incertezza, in fondo, si nutre di parole, è costituita dalle parole stesse. Affrontare senza timori la fragilità, l’inevitabile ansia causata dal dubitare, significa quindi non aver paura di ragionare sul ragionamento, di parlare di parole.

Le parole possono essere ambigue, menzognere.
Le parole possono mutarsi in arnesi da scasso, per forzare la cassaforte della trasparenza.
Le parole, private di ogni umanità, possono purtroppo arrivare anche a ferire, a uccidere.
Le parole, in fondo, sono tutto ciò che abbiamo.

Visto il 16/02/2012 a Genova (GE) Teatro: Duse

Leggi le altre recensioni dello stesso autore
Voto: Voto del Redattore: Damiano Verda

Per saperne di più su Show Alert, clicca qui.

IL CARTELLONE


Login    Contatti    Dalla Redazione    Privacy    Preferiti    Imposta come Homepage - Siti partner: Lavoro, Arredamento

© 2003-2014 Teatro.it snc di Triglia Demetrio & C. - via Vigevano, 15 - 20144 Milano (MI) - PI: 08617960961 - R.E.A. Milano 2037420 del 11/04/2014
Iscrizione al ROC 248522 del 19/05/2014 - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano il 30/05/2008 - n. 342 - Direttore Responsabile Fabienne Agliardi This website is ACAP-enabled