LA WALLY
Commenta lo spettacolo! Leggi le recensioni dei Redattori!
La Wally


I Commenti

I Commenti degli Utenti

Questo spettacolo non ha ancora commenti.
Sai che puoi inserirne uno?
Per farlo clicca su Commenta lo Spettacolo!

Inoltre, puoi dargli un voto cliccando il pulsante Vota questo Spettacolo
qui in alto e puoi ricevere un promemoria via e-mail quando inizieranno le repliche, con il servizio Show Alert.

LO SPETTACOLO

Autore: Luigi Illica da De Hillern
Regia: Nicola Berloffa
Genere: opera
Compagnia/Produzione: Teatri di Piacenza, Teatro Comunale di Modena, I Teatri di Reggio Emilia, Teatro del Giglio di Lucca
Cast: Anna Pirozzi, Zoran Todorovich, Claudio Sgura, Giovanni Battista Parodi, Serena Gamberoni, Mattia Denti, Carlotta Vichi Orchestra Regionale dell’Emilia Romagna Coro del Teatro Municipale di Piacenza Direttore Francesco Ivan Ciampa

Descrizione
La Wally di Alfredo Catalani va in scena in un nuovo allestimento che nasce a Piacenza in coproduzione con Modena, Reggio Emilia e Lucca, città natale del compositore. Il titolo, assente dal Teatro Comunale dalla stagione 75-76, è il più noto del catalogo di Catalani e una pagina celebre della produzione operistica che diede vita, fra Otto e Novecento, ai capolavori di Puccini, Mascagni e Leoncavallo.

L'opera è intimamente legata al colore caratteristico delle alpi tirolesi, dov'è ambienta la vicenda. Lo spettacolo, curato nella parte musicale da Francesco Ivan Ciampa, porta la regia di Nicola Berloffa, già apprezzato a Modena ne I Racconti di Hoffmann visti la scorsa stagione.
Date repliche a cura di
TEATRO.IT La Redazione
Scheda spettacolo a cura di
TEATRO.IT La Redazione

LA LOCATION

COMUNALE LUCIANO PAVAROTTI
Via del Teatro 8 - Modena (MO)
Tel: 059 2033010
Fax: 059 2033011
Email: info@teatrocomunalemodena.it Sito Web: www.teatrocomunalemodena.it


LE REPLICHE Posizionati sulla data per conoscere orario e prezzo max

Repliche passate (dal 24/02/2017 al: 26/02/2017)

LE RECENSIONI


La recensione di Mirko Bertolini

Wally donna fatale

Dopo ben quarantuno anni torna a Modena La Wally di Alfredo Catalani e viene subito da chiedersi come mai un’opera di tale bellezza e intensità sia passata pressochè nel dimenticatoio: sicuramente la necessità di una protagonista di valore che sappia portare a termine un ruolo impegnativo ha fatto scemare la possibilità di ascoltare uno dei più begli esempi di musica prodotto dalla Scapigliatura di fine Ottocento. Quando Catalani compose La Wally era prossimo alla morte, ormai minato dalla tisi, che sarebbe avvenuta un anno dopo la prima rappresentazione alla Scala nel 1892; in questa sua ultima composizione l'autore sembra aver racchiuso tutta la sua forza emotiva e la sua passione in uno stile nuovo. Il Teatro di Modena, in coproduzione con i Teatri di Piacenza, Reggio e Lucca (patria del compositore), ha affidato la regia a Nicola Berloffa, che sposta la vicenda negli anni Trenta del secolo scorso, immaginandola come il set di un vero noir. Wally è la protagonista unica dell’opera e Berloffa calca molto su questo; gli altri personaggi sono tutti funzionali a lei, una mantide del Tirolo che sfugge a ogni dettame romantico fino alla fine, in cui la redenzione è la salvezza per Wally. La narrazione in cui Berloffa immerge lo spettatore è di stampo tradizionale e permette di valorizzare molto la femme fatale impersonata proprio dalla protagonista; fluida e senza troppi arzigogoli, lascia molto all’immaginato (come la valanga finale), per dare spazio alla connotazione psicologica del personaggio. Troppo statici gli altri personaggi e il coro, soprattutto questo costretto a movimenti controllati e impacciati, complice la scenografia di Fabio Cherstich con spazi assai ridotti, evocatrice di ghiacciai e sentieri innevati e una baita in cui protagonisti e coro sembrano racchiusi come una scatola di sardine. Efficace il disegno luci di Marco Giusti che ha saputo creare situazioni e ambienti cupi e notturni. Molto belli i costumi di Valeria Donata Bettella che trasportano il pubblico in un elegante Tirolo.

A Francesco Ivan Ciampa va il merito di aver sviscerato la musica di Catalani e di averla sostenuta con piglio encomiabile. Ne è uscito uno spartito ricco, drammatico, elegante e a dir poco travolgente. Ciampa è riuscito con grande perizia a mettere in risalto i colori di questa opera e facendo uscire il meglio dall’Orchestra Regionale dell’Emilia Romagna; molto buono il rapporto col palcoscenico, ma nel Preludio al quarto atto il maestro Ciampa ha dato il meglio di sé, in una esecuzione che ha permesso veramente di capire e apprezzare la musica di Catalani.

Dire che il soprano madrileno Saioa Hernandez è stata un’ottima Wally è poco: ha saputo immergersi appieno nel personaggio, dimostrando una padronanza e una volitività non comuni; la grinta e la tecnica ne hanno reso una protagonista più che convincente; il faticoso ruolo non l’ha né stancata né provata: voce estesa e tornita, coloritura omogenea e un’espressività vocale degna delle grandi cantanti del passato, al punto che la famosa aria Ebben? Ne andrò lontana è stata eseguita alla perfezione e non poteva scaturire un applauso unanime e caloroso; ma il suo canto è stato interrotto più volte dagli inevitabili applausi. Serena Gamberoni è riuscita appieno a entrare nel personaggio di Walter; dolce e raffinata, fin da subito, con l’aria della Canzone dell'edelweiss, ha dimostrato di possedere una bella voce e un bel fraseggio con una emissione fluida e limpida. Voce molto estesa e importante per l’Hagenbach interpretato da Zoran Todorovich: il tenore serbo, nonostante questo invidiabile volume, non sempre riesce a regolare l’impeto vocale che spinto all’eccesso porta a un inevitabile canto duro e rigido. Claudio Sgura ha saputo interpretare un ottimo Gellner: personaggio imponente e volitivo, Sgura è riuscito a mettere in risalto la bella voce brunita e matura, riuscendo a far emergere sfumature e una tecnica impeccabile; ha saputo immergersi nel personaggio anche vocalmente dando all’interpretazione molta autorevolezza. Nel ruolo anche il basso Giovanni Battista Parodi in Stromminger: voce autorevole e rotonda, piena e accurata. Brava Carlotta Vichi in Afra; bene anche Mattia Denti nel Pedone. Si conferma eccellente il Coro del Teatro Municipale di Piacenza preparato dal maestro Corrado Casati.

Visto il 24/02/2017 a modena (mo) Teatro: comunale

Galleria immagini (clicca sull'immagine per ingrandire)
Premi qui per ingrandire Premi qui per ingrandire Premi qui per ingrandire
Leggi le altre recensioni dello stesso autore
Voto: Voto del Redattore: Mirko Bertolini

Per saperne di più su Show Alert, clicca qui.

CERCA LO SPETTACOLO

Pubblicità Spettacoli Teatro
Login    Contatti    Dalla Redazione    Privacy    Preferiti    Imposta come Homepage - Siti partner: Lavoro, Arredamento

© 2003-2017 Teatro.it SaS di Paganini Massimiliano & C. - piazza San Michele n. 19 - 20020 Magnago (MI) - PI: 08617960961 - R.E.A. Milano 2037420 del 11/04/2014
Iscrizione al ROC 248522 del 19/05/2014 - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano il 30/05/2008 - n. 342 - Direttore Responsabile Riccardo Limongi This website is ACAP-enabled