Rassegna stampa e notizie originali dalla Redazione e dai Collaboratori di Teatro.it

 Cerca   
Io non taccio. Le prediche di Girolamo Savonarola
Io non taccio. Le prediche di Girolamo Savonarola

Arriva a Milano, al Teatro Smeraldo in data unica martedì 15 marzo 2011 ma in giro per l’Italia, un insolito monologhista: 82 anni passati ma combattivo come un ragazzino, Don Andrea Gallo è conosciuto come il ‘prete da marciapiede’ per il suo sostegno infaticabile nei confronti di chi vive nel disagio più assoluto. Può stupire questa presenza teatrale ma la realtà è che i produttori di Promo Music gli hanno chiesto di interpretare in palcoscenico gli scritti di Girolamo Savonarola. E il prete, che ha sempre considerato il pensiero del religioso vissuto nel ‘400 come ispirante, per quanto fu impiccato e bruciato sul rogo come ‘eretico e scismatico’ nel 1498, ha accettato.

«La mia vita» dice Don Gallo, «è sempre stata votata a coniugare la coscienza civile con la mia coscienza di fede. E Savonarola, che è sempre stato nel mio cuore, è un po’ l’archetipo dell’impegno civile e cristiano. Mi sento nella parte, anche per il lavoro su marginalità, migrazione e presenza sul territorio che abbiamo fatto con le nostre comunità. E poi, data l’età, mi si cuce addosso come un testamento: anch’io ho speso la mia vita per dire sempre ciò che andava detto». Don Andrea Gallo, animatore della comunità genovese di San Benedetto del Porto, è famoso per essere ostile alle caste vaticane e ai potenti in generale. Eppure, sebbene Berlusconi non gli sia mai piaciuto, il prete genovese è molto più arrabbiato con il Papa che col primo ministro, per non aver preso una posizione netto riguardo agli scandali.

Tra alcune sue dichiarazione degli ultimi tempi c'è questa: «Esiste una soglia oltre la quale anche il Vaticano dirà “adesso basta davvero”? Non c’è, perché alla Chiesa non importa più nulla dei poveri e dei deboli. Vive di privilegi, vuole difenderli e ne vuole conquistare di nuovi. Penso che Ruby e le altre vedano Berlusconi come una porta d’accesso, che sfruttino i suoi vizi. Ma si vergognano, sono schifate da chi hanno davanti. E si fanno anche schifo da sole. Quali sono le contropartite concrete, per la Chiesa, di questa benevolenza? Basti pensare all’8 per mille o ai contributi alle scuole cattoliche, che poi di cattolico non hanno proprio nulla. C’è anche l’esenzione fiscale sugli immobili della Chiesa, che non pagano l’Ici. O le politiche bioetiche. Il Santo Padre è tornato a parlare contro l’educazione sessuale, senza capire che togliere la consapevolezza ai ragazzi è proprio ciò che li spinge a svendersi, drogarsi, autodistruggersi».

Per quanto la chiesa abbia avuto modo di pentirsi, facendo di Savonarola un beato nel 1997, adesso l’Avvenire considera il vecchio Don Gallo ‘troppo vanitoso’ e giudica male la sua presenza in teatro e in televisione a Vieni via con me. Senza farne il nome, l’arcivescovo Bagnasco scrive che "qualche prete vanitoso in tv si è prestato a fare da scendiletto", mentre le prediche di Fazio e Saviano sono definite "squinternate e faziose". Chissà se i dieci milioni di telespettatori la pensano allo stesso modo. Ora, in teatro, vedremo chi vorrà ascoltarlo dal vivo e giudicarlo con la propria mente ne Io non taccio. Le prediche di Girolamo Savonarola. Uno spettacolo che, se non altro, offre l’occasione di scoprire la modernità di scritti risalenti a cinque secoli or sono e che, alla luce delle cronache odierne, appaiono incredibilmente attuali.

Galleria immagini (clicca sull'immagine per ingrandire)
Premi qui per ingrandire
Premi qui per ingrandire
Premi qui per ingrandire

Inserita il 12 - 03 - 11
Daniela Cohen
Leggi altri articoli di Daniela Cohen

I Commenti degli Utenti

Percorsi surreali e stazioni di santitàPRECEDENTE SUCCESSIVOROBERTO BOLLE PER I 150 ANNI DELL'UNITA' D'ITALIA AL SAN CARLO DI NAPOLI

 

IL CARTELLONE


Login    Contatti    Dalla Redazione    Privacy    Preferiti    Imposta come Homepage - Siti partner: Lavoro, Arredamento

© 2003-2014 Teatro.it snc di Triglia Demetrio & C. - via Vigevano, 15 - 20144 Milano (MI) - PI: 08617960961 - R.E.A. Milano 2037420 del 11/04/2014
Iscrizione al ROC 248522 del 19/05/2014 - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano il 30/05/2008 - n. 342 - Direttore Responsabile Fabienne Agliardi This website is ACAP-enabled