LISISTRATA. COLEI CHE SCIOGLIE GLI ESERCITI

Lisistrata: un dramma giocoso

Recensione:

Prima produzione della nuova stagione del Centro Teatrale Bresciano, "Lisistrata, colei che scioglie gli eserciti", ha inaugurato il cartellone dello stabile al Teatro Sociale di Brescia.
Andrea Battistini, che ha rielaborato il testo oltre a curare la regia, ha usato come struttura la Lisistrata di Aristofane, inserendovi brani di altri testi del commediografo greco (Le donne a parlamento, La festa delle donne, La pace, Gli acarnesi) aventi sempre come tema il rapporto tra le donne e la politica.
Questa scelta si è tradotta in una divisione abbastanza netta dello spettacolo: ad una prima parte più impegnata, dai toni spesso seri, quasi drammatici, ha fatto seguito una seconda parte più grottesca, in linea con quanto ci si sarebbe aspettato leggendo il titolo della rappresentazione.
Il messaggio che passa da questo spettacolo, oltre all'insensatezza della guerra, è che la donna, grazie alla sua intelligenza ed alla sua umanità, è per molti versi più adatta dell'uomo ad impegnarsi nella vita politica ed a gestire delicate questioni diplomatiche senza necessariamente ricorrere all'uso della forza.
L'allestimento, che non si avvale di alcun supporto scenografico ed utilizza abiti contemporanei abbastanza anonimi, basa la sua riuscita esclusivamente sulla recitazione, riuscendo in buona sostanza a vincere la sfida.
L'ensemble di attori si è mostrato molto affiatato e tutti, comprese le ragazze del coro, hanno aderito a una drammaturgia che, pur strizzando l'occhio a una comicità di carattere, ha cercato di dare tridimensionalità ai personaggi.
Molto intenso  ad esempio si è rivelato il lungo dialogo tra Lisistrata e Lamaco, che chiude la prima parte e altrettanto efficace, se pure in tono meno drammatico, è stato anche quello che ha portato alla riconciliazione di Diceopoli con la moglie.
Vero è che lo spettacolo a volte sembra dilatarsi in scene che potrebbero essere gestite in maniera più incisiva: la proclamazione dello sciopero del sesso, normalmente all'inizio della rappresentazione, è arrivata dopo un'abbondante mezz'ora, preceduta da un lungo dibattito assembleare, e anche l'invettiva del secondo atto contro Euripide si sarebbe potuta riassumere.
Non è comunque mancato il divertimento scaturito dalla caustica comicità di Aristofane che, se nella prima parte si è limitato ad una manciata di battute, nella seconda, grazie all'abbondanza di doppi sensi di natura sessuale ha opportunamente alleggerito il tono della rappresentazione.
Calorosa la risposta del pubblico al termine dello spettacolo; applausi per il numeroso gruppo di attori che citiamo singolarmente:  Chiara Di Stefano, ottima Lisistrata,  Alessandro Buggiani, Paolo Mutti, Davide Pedrini, Daniele Squassina, Ada Simona Totaro, Francesco Tozzi, Federica Barbaglia, Chiara Battistini, Luisa Borini, Giulia Delicato, Eleonora De Luca, Giuseppina Facco, Cecilia Malatesta, Giulia Pizzimenti, Sabrina Scolari, Elena Strada.

 

Visto il 11/11/2014
al teatro Sociale di Brescia (BS)

Lisistrata. Colei che scioglie gli eserciti
tragedia
Informazioni principali
Regista
Andrea Battistini
Protagonista
---

Davide Cornacchione

Autore:

Davide Cornacchione

REDATTORE