Gelo al Teatro Ciak: negata la licenza di pubblico spettacolo. Spettatori a casa

Cancellato all’ultimo momento “Beauty and the Beast On Ice”, che avrebbe dovuto inaugurare la stagione del Teatro Ciak di Milano: delusione degli spettatori, molti dei quali sono rimasti oltre un’ora in attesa al freddo, fuori dal teatro.

Meo Rabacci

Miniatura
Teatro
Un’occasione di festa si è trasformata in una serata di snervante attesa per migliaia di spettatori (bambini compresi), in coda sotto la pioggia, davanti al Teatro Ciak di Milano, pronti ad assistere al debutto di Beauty and the Beast On Ice: un evento internazionale con oltre venti pattinatori-performer, che hanno mosso i primi passi prima come atleti e poi nel gruppo Russian Ice Stars.
Lo spettacolo avrebbe dovuto inaugurare ieri, 26 dicembre, la stagione 2017/2018 della tensostruttura di viale Puglie: un cartellone che comprende grandi show internazionali (Break the Tango), il ritorno a Milano di due musical importanti (Romeo e Giulietta – Ama e cambia il mondo e La Divina Commedia) e nomi illustri della comicità italiana (Enrico Brignano).
Ma le cose sono andate diversamente: la Commissione di Vigilanza del Comune di Milano non ha rilasciato l'autorizzazione per la messa in scena dello spettacolo, dunque le date previste il 26 e 27 dicembre al Teatro Ciak sono state definitivamente annullate.

Il comunicato ufficiale

L’annullamento è stato reso noto solo quando molti spettatori erano già in attesa fuori dal teatro, sotto la pioggia. Di seguito, viene riportato il comunicato ufficiale, diffuso tempestivamente tramite i canali social, con il quale gli organizzatori (Dimensione Eventi, in collaborazione con Ventidieci e Alhena Entertainment) motivano l’improvvisa debacle:

Per problemi tecnici, dovuti a inadempienze strutturali, la Commissione di Vigilanza del Comune di Milano non ha rilasciato la licenza di pubblico spettacolo al Teatro Ciak. Ci scusiamo con gli spettatori che sono rimasti pazientemente in attesa fino all'ultimo momento, ma purtroppo lo spettacolo non è potuto andare in scena e le repliche previste il 26 e 27 dicembre sono state annullate. 
Sono stati informati tutti i canali di prevendita e sarà possibile richiedere il rimborso dei biglietti seguendo le normali procedure.

Comprensibili le immediate rimostranze da parte del pubblico presente fuori dal teatro, espresse anche attraverso i social: d’altronde, questo laconico comunicato potrà tranquillizzare il pubblico relativamente alle modalità di rimborso dei biglietti, ma il disagio di aver atteso inutilmente al freddo di partecipare a un evento improvvisamente annullato e, soprattutto, la delusione negli occhi dei bambini in una giornata di festa, non ammettono facili giustificazioni.

Restano comunque confermate le tappe italiane dello show previste al Palavela di Torino (28 dicembre) e al Pala Rossini di Ancona (29 dicembre).

Meo Rabacci