"Bucefalo, il pugilatore" di Alessio De Caprio alla "Notte della Cabbalà"

Miniatura
Teatro

Sabato 17 settembre, in occasione della “Notte della Cabbalà”, nel quartiere ebraico di Roma, verrà replicato lo spettacolo “Bucefalo, il pugilatore”, pièce sull’atleta ebreo morto nelle fosse ardeatine nella II Guerra Modiale.
Lo spettacolo racconta la storia di Lazzaro Anticoli, un ebreo romano di 27 anni, venditore ambulante e aspirante al titolo di campione nazionale di box. La narrazione si svolge lungo il filo della sua vita attraverso i ricordi di infanzia, tra Trastevere e il ghetto, con gli amici, i lavori, l’incontro con la moglie, le paure la miseria.
Lazzaro Anticoli venne arrestato dalle SS (a causa della delatrice Celeste Di Porto, un’ebrea convertitasi al cattolicesimo e poi arrestata dai tedeschi come spia) e, dopo una breve reclusione al carcere di Regina Coeli, ucciso alle Fosse Ardeatine il 24 marzo del 1944 insieme ad altri 334 martiri.

E’ nel settembre 2009, con il sostegno del I Municipio, della Regione Lazio e della Provincia di Roma e con il patrocinio della Comunità Ebraica di Roma e del Ministero della Pubblica Istruzione che l'Associazione Gian Dei Brughi, di Alessio De Caprio, realizza "Bucefalo, il pugilatore” diretto ed interpretato dallo stesso De Caprio. Lo spettacolo ha debuttato nella giornata europea della Cultura Ebraica a Largo 16 Ottobre 1943 - portico d'Ottavia - Roma e ha aperto il Roma Europa Festival al Teatro Palladium il 5 Ottobre 2010.
Il 17 settembre verrà replicato nell’ambito della “Notte della Cabbalà”, un evento in cui musica, danza, teatro, video art, incontri, libri, cucina, animeranno l’antico quartiere ebraico di Roma.
Una notte di sogno tra Cabbalà, mistica ebraica e tradizioni millenarie alla scoperta dei segreti di Roma, dove la presenza ebraica risale ad oltre duemila anni fa.

La Notte della Cabbalà “accende le luci” sia su Roma Capitale sia sulla Roma ebraica. Le porte del Vecchio Ghetto Demolito, nella zona tra il lungotevere De’ Cenci e via del Portico D’Ottavia e tra via Arenula e il Teatro di Marcello, si aprono alla città con un programma di eventi culturali, musica, teatro, incontri letterari, dj set e il nuovo format dello “street party”, per mostrare le virtù e i segreti di una delle zone più affascinanti del Centro Storico.
L'antico quartiere ebraico di Roma diventa una scena notturna a cielo aperto dove si alterneranno artisti italiani e internazionali per una “no-stop” di eventi culturali per tutta la notte. In tutto il quartiere anche gli esercizi commerciali e i ristoranti rimarranno aperti con i loro menù di cucina giudaico-romanesca e dalla tradizione ebraica internazionale (israeliana, orientale, Europea).
Un segno che ribadisce l’apertura al dialogo, proprio in occasione dei 150 dall’Unità d’Italia, tra memoria e modernità, nel cuore pulsante della cultura romana, conservata anche grazie ai numerosi restauri fortemente voluti e sostenuti da Roma Capitale.
Un percorso culturale alla scoperta delle radici storiche della città, che apre nuovi scenari metalinguistici, sinergie e suggestioni fondate sul dialogo tra culture diverse.
La Notte della Cabbalà è promossa da Roma Capitale, Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico, Camera di Commercio di Roma e Comunità Ebraica di Roma, in collaborazione con Festival Internazionale di Letteratura Ebraica e Golda International Events, con l’organizzazione Zètema Progetto Cultura.

Alessio De Caprio è nato a Castellammare di Stabia nel 1979, ma da anni vive a Roma, dove si è diplomato all'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica “Silvio D'Amico" con maestri come Mario Ferrero, Marisa Fabbri e Pino Passalacqua. In seguito ha lavorato in Germania in tre allestimenti teatrali diretti da Fernando Scarpa.
Ha partecipato come attore ad oltre venti allestimenti teatrali, per le regie, tra gli altri di Mario Missiroli, Lorenzo Salveti, Memè Perlini. Dal 2001 al 2004 ha lavorato in qualità di attore per le ambasciate di Brasile, Argentina e Cile e per la Biblioteca Nazionale Centrale. Nel 2008, in qualità di attore ed aiuto regia, è entrato nella Compagnia dei giovani del Teatro Stabile d’Abruzzo, diretta da Federico Fiorenza, con i quali ha recitato in “Love & Crash”, (regia di David Gallarello) uno spettacolo tratto dalle opere di Shakespeare ed in cui interpretava il Re Duncan del Macbeth. Ha partecipato in qualità di autore, attore e curatore del progetto al programma radiofonico "Brasil" in onda su Radio Rai Uno. Da anni studia ed approfondisce la materia "Educazione della voce naturale" collaborando in qualità di assistente del M° Giuseppe Bevilacqua, docente presso l'Accademia Nazionale D'Arte Drammatica "Silvio D'Amico", e studiando, tra gli altri, con Margarete Assmouth, collaboratrice di Kristine Linklater. Ha insegnato recitazione presso la scuola per allievi attori "Cassiopea" diretta da Tenerezza Fattore.
Nel 2006 ha fondato l'Associazione Culturale "Gian dei Brughi", di cui è Presidente, con lo scopo di ideare, organizzare e realizzare opere teatrali, eventi musicali e culturali relativi ad artisti emergenti operanti nel campo della musica elettronica e contemporanea, dell'installazione multimediale, della realizzazione di cortometraggi ed opere cinematografiche sperimentali. Nel 2008 ha realizzato un'installazione teatrale itinerante al buio dal titolo "Girotondi Invisibili" diretta da Rossana Bonuso. Del 2009 è lo spettacolo “Bucefalo, il pugilatore”. Nel 2011 ha scritto e diretto “Dove sei Adamo?”, interpretato da Francesca Giorgini e patrocinato dal Vicariato di Roma - ufficio della pastorale giovanile
Nel 2010 è stato nominato Direttore artistico della stagione teatrale del teatro Keiros 2010/2011.


Bucefalo, il pugilatore
Di e con: Alessio De Caprio
Sabato 17 settembre 2011, ore 24:30, c/o Palazzo della Cultura, Roma

Curiosità:
Venerdì 16 Settembre, alle ore 16:30/17:00 Radio Città Futura 97.7, intervisterà Alessio De Caprio autore, regista ed interprete dello spettacolo "Bucefalo, il Pugilatore”.

Ha conseguito due lauree magistrali: "Lingue e letterature straniere - indirizzo: storico-culturale" (2004) e "Storia dell'arte e del teatro" (L.M. 65 - classe delle lauree magistrali in scienze dello spettacolo e produzione multimediale) (2011). Ha frequentato un corso di alta cultura e...