RIPARTONO LE GRANDI SERATE "I LOVE JAZZ" AL MUSIC INN DI ROMA

Mauro
Carniti
Miniatura
Musica

Domenica 22 gennaio il trio del noto batterista Israel Varela sarà  protagonista del nuovo appuntamento della rassegna "I LOVE JAZZ" al Music Inn, il celebre jazz club romano che dal 2011 ha riavviato la sua attività . Durante il concerto, il trio ospiterà la performance della ballerina di flamenco Cristina Benitez.

La rassegna "I LOVE JAZZ", organizzata da MP management in collaborazione con la scuola di musica OTTAVA e MUSIC INN, riprende il 22 gennaio nella prestigiosa sede del jazz club romano in L.go dei fiorentini, 3 a Roma. Altra novità  per il nuovo anno sono i seminari didattici abbinati ai concerti. Alle 19.00 infatti sarà possibile partecipare a una master class condotta dalla chitarrista che si esibirà  in concerto alle 21,30. Una full immersion dedicata alla musica, con pausa culinaria per chi volesse approfittare dei piatti slow food dello chef Giorgio Baldari.

A inaugurare la rassegna 2012 sarà Israel Varela, uno dei migliori talenti del panorama musicale internazionale, che conferma il sodalizio con il brasiliano Alfredo Paixao al bass e l'italianissimo Angelo Trabucco al pianoforte. Ospite illustre della serata la ballerina di flamenco spagnola Cristina Benitez.

Abile e raffinato compositore, Varela, è batterista e cantante dalla sorprendente e ricca musicalità. Grazie alla sua originalità vanta già  collaborazioni con i migliori musicisti del mondo. Il suo Flamenco-Jazz drumming è stilisticamente immediatamente riconoscibile: miscela ritmiche tipiche del flamenco, ritmi latinoamericani, atmosfere medio orientali che danno vita a colori jazz fondonosi in un'entità  ormai inscindibile. Il sentimento latino, la raffinatezza melodica e il gusto andaluso della sua musica, sono elementi che assumono un valore irrinunciabile, facendo delle sue composizioni arie che subito rimangono impr nelessela memoria.

Il mix culturale e lo straordinario livello internazionale di questa band caratterizza un risultato musicale unico, rendendo i concerti tanto raffinati quanto imprevedibili.

Info: http://jazzagenda.com/

Mauro
Carniti