PRESENTAZIONE LIVE NAPOLETANA PER "IL RUMORE DELLA LUCE"

Miniatura
Musica

Il periodo natalizio, grazie alla neonata produzione Sasquatch, ci regala un esclusivo ed atteso concerto in uno degli spazi più interessanti del centro storico napoletano. Un tempo "Teatro Bruttini", oggi Cabaret Portalba, passaggio obbligato per tutti i cabarettisti emergenti di Napoli, ma anche spazio per la musica di qualità, sarà teatro della presentazione de “Il Rumore della Luce” secondo album degli Gnut, (venerdì 30 dicembre ore 22 ingresso 5 euro – Per info 3291410934).

Conosciuti nella figura di Claudio Domestico (voce, chitarra e autore del progetto) gli Gnut si fanno conoscere al pubblico con DiVento (2008), un disco che riceve apprezzamenti e riconoscimenti sui palchi dei principali festival indie italiani (Mei fest 2003, Arezzo Wave 2004) e li porta ad un tour che non si esaurisce in Italia ma si spinge fino a Parigi.

Sotto la produzione artistica di Piers Faccini, noto cantautore anglo-francese già al lavoro con Ben Harper, “Il Rumore della Luce” (Metatron) supera per arrangiamenti ed atmosfere intime il primo disco, delineando un’artista che continua ad avere qualcosa da dire e a farlo in modo egregio.

Influenze che vanno dal blues al folk inglese e americano, dalla canzone napoletana fino ad arrivare alla musica africana del Mali, percorrono l’intero album che vede le collaborazioni illustri di Mauro Pagani, Rodrigo D’Erasmo (Afterhours), Marco Sica (Guappecartò), Alessandro Sicardi e la EdoDea Ensamble (Capossela e Muse).

Ad accompagnarlo nella data napoletana ci saranno i compagni di lungo corso Piero Battiniello (basso e cori) e Carlo Graziano (batteria), e due ospiti speciali Marco O' Malamente (violino) e Giovanni Melucci (piano, fisarmonica ed arpa).

 

“Bronz” (a parte i genitori, a memoria d'uomo pare che nessuno l'abbia mai chiamato Alessandro) è cultore di cinema: sacro il quartetto Walter Matthau/Vincent Price/Cary Grant/Peter Sellers. Gran appassionato di musica e Dylaniano fin dalla tenera età, ritiene degni di rispetto quasi esclusivamente...