POLLUTION - Beyond Control - Escape Music - 2012

Massimo
Agliardi
Miniatura
Musica

Arrivano a quota due album, gli elvetici Pollution ma ancora nessun grande salto e anzi onestamente, questo nuovo "Beyond Control", mi sembra un leggero passo indietro per la band; il sound viaggia eempre in bilico tra hard rock alla Krokus/Gotthard e momenti più pachidermici alla Ac/Dc ma senza il giusto mordente, o il brano che spicchi in mezzo al mucchio.

Preso nel suo insieme questo nuovo "Beyond COntrol", non è un brutto album e dei brani discreti li incontriamo lungo il percorso a partire dall melodica e molto alla Nickelback/Daughtry "Forever And A Day", supportata da un Pascal Gwerder alla voce davvero bravo e convincente cosi' come nella più ritmata "Follow Me", che rimanda ai connazzionali Shakra nel coro. Poi un mucchio di brani come "The Band", "Fire" e "War" (per citarne alcuni) che lasciano l'amaro in bocca e non decollano come dovrebbero. Sembra che questi ragazz,i si siano persi a voler imitare gli Hardcore Superstar a tutti i costi, in alcuni casi e anche le vocals più sgraziate a lungo andare stancano.

Rimandati per questa volta ma questi Pollution possono osare molto di più; alla prossima occasione.

 

MOMENTO D'ESTASI:   la sola "Forever And A Day" direzione che prenderei se fossi in loro..più pezzi come questo ragazzi..

COLPO DI SONNO:  tanti sbadigli davvero...un peccato...

Massimo
Agliardi