Namusica alla Casina Pompeiana

Victoriano
Papa
Miniatura
Musica

Al via “Namusica”, sei serate di musica dal vivo, nell’ambito della rassegna “Napoli Città Viva *Estate 2011 – L’energia della cultura”, voluta dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, che si terranno nella neoristrutturata Casina Pompeiana in Villa Comunale a Napoli, nelle date del 23/24/25.9.2011 e del 30.9.2011/1/2.10.2011, alle 20:30. Ingresso ai concerti 10,00 €. (www.comune.napoli.it, infoline: 348/7745726).
Ospitata nell’accogliente spazio della neoriattata e riaperta al pubblico Casina Pompeiana, piccolo gioiello architettonico sottratto al degrado urbano all’interno del settecentesco Real Cammino Borbonico, parte “Namusica”, due weekend, quelli dal 23 al 25 settembre e dal 30 settembre al 2 ottobre, all’insegna della buona musica dal vivo, tra diverse declinazioni e codici sonori che spaziano dal jazz alla tradizione barocca, classica e contemporanea, volti alla sperimentazione e alla contaminazione di differenti linguaggi melodici e ritmici, senza mai tradire le ascendenze originarie dei vari generi e repertori.
L’iniziativa, che cade all’interno della kermesse “Napoli Città Viva *Estate 2011 – L’energia della cultura”, promossa dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, risponde all’esigenza e al desiderio di associazioni culturali, da anni attive nel settore musicale a Napoli e non solo, quali Dissonanzen, Progetto Sonora, Ensemble Barocco di Napoli, Circolo Artistico Ensemble, Arte di Improvvisare, intenzione – si diceva – in una più ampia ottica progettuale e di collaborazione tra vari soggetti, di offrire al pubblico partenopeo, alla platea di turisti, agli addetti ai lavori e ai semplici amanti della buona musica, una serie di performance, occasioni di ascolto e d’incontro in un comune territorio d’interesse.
Fil rouge di questi appuntamenti è un ponte ideale tra modernità e tradizione, tra l’antico e l’attuale, da una parte grazie all’estro e al virtuosismo improvvisativi degli interpreti che saranno protagonisti, gli uni accanto agli altri, dei sei concerti; dall’atra, mediante il dialogo stesso che si crea abitualmente in scena tra loro. L’arte improvvisativa, dunque, come fulcro e comun denominatore di queste sei serate, prassi avita come la musica stessa, che trasversalmente riesce a far nascere un perfetto e insospettabile sodalizio tra passato e presente e, al contempo, a gettare un raccordo inscindibile tra pubblico e strumentista, tra ascolto ed esecuzione, in un prezioso gioco di staffette, rimandi, variazioni tematiche, mutazioni ritmiche e sonore. Su un tale humus non può non fiorire una sintassi musicale ricca, polisemica, senza steccati, in cui la classicità è sdoganata dalla sua aura per così dire ‘elitaria’ e la contemporaneità non è tanto distante dal repertorio più tradizionale. In tal modo, pentagrammi del ’700, in tutta la loro modernità, vengono riletti e rivissuti alla luce di nuove istanze jazzistiche e delle attuali esigenze estetiche; improvvisazioni rinascimentali e barocche possono convivere accanto a interpretazioni di compositori d’oggi e a danze e canti della tradizione popolare del Sud Italia in un’eclettica, equilibrata e caleidoscopica miscellanea di suoni, ritmiche e cadenze differenti.
I sei live set: 1) Venerdì 23 settembre ore 20:30 NOVAngelus Antiche e moderne improvvisazioni. Un progetto di Tommaso Rossi Ensemble Dissonanzen. La Formazione: Tommaso Rossi, flauti; Marco Sannini, tromba; Canio Lucia, clarinetto basso; Francesco D’Errico, synth e tastiere; Stefano Costanzo, batteria e percussioni.
2) Sabato 24 settembre ore 20:30 Il soffio di Partenope Ensemble Barocco di Napoli. Musiche di Coreno, Mancini, Sammartini. La Formazione: Tommaso Rossi e Raffaele Di Donna, flauti; Marco Vitali, violoncello; Patrizia Varone, clavicembalo.
3) Domenica 25 settembre ore 20:30 Cambiamo l’Aria. Un progetto di Marco Sannini. La Formazione: Marco Sannini, tromba e flicorno; Marco Pezzenati, vibrafono; Marco de Tilla, contrabbasso; Stefano Costanzo, batteria.
4) Venerdì 30 settembre ore 20:30 Arte d'improvvisare. Un progetto di Francesco D’Errico. La Formazione: Roberto Grisley musicologo; Giulio Martino, sax; Francesco D’Errico, pianoforte; Dario Guidobaldi, batteria, Marc o de Tilla, contrabbasso.
5) Sabato 1 ottobre ore 20:30 Sax experience Sonora Network Ensemble diretto da Eugenio Ottieni. La Formazione: Domenico Luciano, sax; Eugenio Catone pianoforte.
6) Domenica 2 ottobre ore 20:30Tarantoday. Un progetto di Dario Candela. Circolo Artistico Ensemble. La Formazione: Luca Iovine, clarinetto; Giuseppe Carotenuto, violino; Manuela Albano, violoncello; Dario Candela, pianoforte; Francesco Manna, percussioni.

Victoriano
Papa