JACK BLADES - Rock N Roll Ride - Frontiers Records - 2012

Massimo
Agliardi
Miniatura
Musica

A un anno dal ritorno dei Night Ranger con “Somewhere In California”,  il bravo Jack Blades non perde tempo e tra una pausa e l’altra, trova il l'energia di regalarci un album solista davvero tosto, come questo “Rock N Roll Ride”. Tra le file troviamo un manipolo di “vecchie” conoscenze tra cui Kelly Keagy (già nei Night Ranger) e altri grandi musicisti americani (Brian Tichy, Christian Cullen e Joel Hoekstra) a donare a brani come “Back In The Game” e “Rock N Roll Ride”, quel tiro hard rock alla Damn Yankees, che tanto ama Jack Blades.


Strepitosa “Born For This”, un’autocelebrazione assoluta per questa musica e questa vita che tanto ha fatto la fortuna e la carriera, del chiomato bassista e cantante a stelle e strisce; un mix di Night Ranger e Damn Yankees perfetto per esaltare senza tante pretese.  Poteva mancare una power ballad che si rispetti? Assolutamente no e la classe in “Hardest Word To Say”, è davvero tanta e si candida fin da subito, come uno dei top di tutto l’album il tutto sorretto da una band, che gira davvero in palla e che non lascia speranze. Un classico.  Grande botta rock in “Love Life”, che ricorda davvero tanto, gli ultimi Night Ranger (e per chi scrive, un brano strepitoso) ma eccola l’altra chicca nascosat di questo “Rock N Roll Ride” ovvero, la magnifica e semi acustica “West Hollywood” un signor pezzone che, giocato tra la voce calda e possente di Blades e le chitarre acustiche, diventa in pochi secondi un brano dal sapore ’80 senza tempo e dall’andamento festaiolo, che farebbe invidia a Alice Cooper o agli Aerosmith.


Tornando indietro, dobbiamo andare al 2004, per trovare il primo album solista di Blades e di acqua sotto i ponti ne è passate; se il primo lavoro strizzava l’occhio a sonorità meno hard rock e più commerciali qui, è il sano melodic rock a farla da padrone, come accade in “Say You Will”, “Don’t Give Up”, (altro singolo perfetto me lo sento..) prima che il sound settantiano di “Rise And Shine”, ci porti per mano verso la conclusione. Ultime note dedicate alla chitarra acustica di “Hey Now”, epilogo dal sapore country southern, dove l’anima “american” di Blades, scoppia ai massimi livelli…u yeah that’s real rock and we like it! Un grande album!

MOMENTO D’ESTASI:   un paio di nomi su tutti “Born For This” e “Hardest Word To Say”.
COLPO DI SONNO:   neanche per scherzo dai!

Massimo
Agliardi