HOUSE OF LORDS - Big Money - Frontiers Rec. - 2011

Massimo
Agliardi
Miniatura
Musica

La vena creativa di James Christian e dei suoi "rinati" House Of Lords, non sembra voler cessare e anzi, la qualità delle composizioni e degli album da "World Upside Down" in avanti, sembra essere sempre in continua crescita; dopo lo sbalorditivo "Cartesian Dreams", l'attesa per il nuovo "pargolo" in casa House Of Lords, era davvero tanta e amici miei, ne è valsa davvero la pena perchè "Big Money" è un monumentale album di pomp rock melodico, degno dei migliori House Of Lords di "Sahara" o "Come To My Kingdom".

"Big Money" la title track, apre le danze come la storica "Shoot" da "Sahara" e cosi' la successiva "One Man Down", (ovvero la nuova "Demons Down") ci delizia per un andamento davvero di primissima classe, il tutto sorretto da possenti chitarre, tastiere ariose e un drumming di B.J Zampa, sempre preciso e pulsante. Il primo singolone arriva poco dopo e porta il nome di "First To Cry" (un classico, dal coro travolgente) cosi' come "Someday When", davvero immensa, con un cambio di tonalità finale da urlo e un James Christian sugli scudi, per una performance superlativa. Come rimanere immobili sulle aperture di "Run For Your Life" sulla dolcezza di "The Next Time I Hold You", o ancora della devastante "Hologram", (un altro classico dal coro irresistibile) senza dimenticare la più heavy "Once Twice", sorretta ancora una volta da una sezione ritimica fenomenale e dai cori immensi, di tutta la band.

Un colpaccio davvero e un altro tassello di pura magia, in casa House Of Lords; appuntamento questo mese per due date in Italia..non mancate....!

Massimo
Agliardi