Eva Cortés Live al Mav per Incroci Sonori

Victoriano
Papa
Miniatura
Musica

Al via "INCROCI SONORI", kermesse di 4 appuntamenti live di jazz e dintorni, per la direzione artistica di Michele Solipano, al MAV – Museo Archeologico Virtuale (Via IV Novembre n. 44 – Ercolano Napoli, 081/19806511), a partire dal 24.03.2012, ore 21:00, con il concerto di Eva Cortés in Quartet feat Pepe Rivero. Info e prevendite: 081/8038382, 081/7611221, 081/5519188, 081/7773658, 081/7767362. Ingresso al concerto: 15,00 € + prevendita, comprensivo di buono sconto del 30% sul ticket per la visita al museo. Ouverture della serata l'esibizione di Max Puglia (Chitarra Flamenco Jazz), accompagnato da Savio Arato (Voce e Percussioni), Pino Tafuto (Piano), Dario Franco (Basso), in un 'pot-pourri' musicale che spazia da tradizioni esotiche flamenco‐gitane a quelle Medio Orientali e folk del Mediterraneo, intrecciandosi, a loro volta, con suggestioni di repertori classici, jazz e ritmi latini, al fine di dar vita a una musica al tempo stesso sofisticata e accessibile, sensuale, passionale, romantica e inevitabilmente contagiosa. Un ponte tra la cadenza coinvolgente del falmenco e l'rrinunciabile retaggio della musicale napoletana.
Inizia sabato 24 marzo 2012 alle 21:00 la rassegna "Incroci Sonori", iter tra melodie e ritmi jazz, articolato in quattro serate e ospitato presso l'Auditorium del Mav, il Museo Archeologico Virtuale di Ercolano. Un percorso musicale che vede sonorità jazz delle più classiche passarsi il testimone con ritmiche e cadenze suadenti della bossanova e del pop riletto in chiave jazz.
Non è un caso, infatti, che la manifestazione, organizzata da Michele Solipano, col patrocinio della Provincia di Napoli, del Comune di Ercolano, della Fondazione C.I.V.E.S. e della stessa associazione "Incroci Sonori", porti questo nome quasi come una dichiarazione d'intenti. Un marchio di fabbrica che vede in felice sinergia differenti declinazioni musicali, rivissute tutte secondo un comune fil rouge: l'estro e il virtuosismo improvvisativi, tipici del patrimonio jazzistico e di artisti di talento e chiara abilità interpretativa.
A cominciare dalla serata inaugurale che avrà quale protagonista, sabato 24 marzo, la singer sudamericana, Eva Cortés, affiancata, sul palco dell'Auditorium del MAV, dal virtuoso del pianoforte, il cubano Pepe Rivero, da Mauro Gargano al contrabbasso e da Miki Salgarello alla batteria. La bossanova, che nasce all'incirca negli anni '50 in Brasile, traendo origine dal samba, in particolar modo dal samba canção e più in generale dalla musica tradizionale brasiliana, è già di per sé una miscellanea di influenze ed echi diversi, laddove s'ispira anche alla "rive gauche" francese e a talune atmosfere minimaliste di certa musica europea e statunitense. Saranno questi gli ingredienti del concerto di sabato 24, riproposti secondo un'esegesi personale e originale della Cortés e dei suoi strumentisti, e con la timbrica e la vocalità calda di una cantante inconfondibile. Anche alla luce del fatto che la regina del neolatin jazz, una delle voci più interessanti dell'attuale panorama jazzistico internazionale, dotata di grande presenza scenica e indubbio fascino interpretativo, durante la performance presenterà in anteprima (in Italia sono previste 4 date), brani del suo nuovo e III album, "BACK 2 THE SOURCE" (pubblicato dalla Universal). La cantante e compositrice honduregna, cresciuta a Siviglia, in pieno fermento artistico tra Madrid e Parigi, porta in tour nel nostro Paese, in compagnia del pianista cubano Pepe Rivero, ritmi jazz contaminati dalle sonorità soft e coinvolgenti della propria terra d'origine. La sua musica, di cui è per la maggior parte non solo interprete ma anche autrice, risente di influssi flamenchi, latin jazz, della chanson francese, senza tralasciare le ritmiche del bolero, la dolce melodia delle ballad, la nostalgia del tango, il bossanova della scuola francese di Henry Salvador, mai dimentica, ovviamente, della matrice e del sostrato jazz. Molto apprezzata in Francia e Sudamerica, dopo vari tour in Europa e USA, la Cortés ha dato alle stampe un album frutto di varie esperienze e dell'incontro con grandi musicisti e vocalisti del jazz contemporaneo, da Mark Murphy a Dee Dee Bridgewater a Joe Lovano, con cui ha suonato a NY al Blue Note e dove presenterà il disco il 10 maggio.
La band che accompagna la cantante, il cui interplay è evidente in scena, è costituita da musicisti al top del circuito jazzistico internazionale: il pianista cubando Rivero (già in tour e in studio con Paquito de Rivera, Celia Cruz, etc.), il batterista Miki Salgarello (in Italia già al fianco della straordinaria pianista nipponica Chihiro Yamanaka, Aldo Romano e tanti altri), Mauro Gargano, eccezionale contrabbassista italiano residente a Parigi e tra i più acclamati nell'aerea jazz francese (collaborazioni con Francesco Barzatti, Enrico Rava, Bojanz, Jason Palmer, Chihiro Yamanaka), tanto che la sua più recente fatica, "Mo'Avast", è rivelazione dell'anno Jazz Magazine 2011.
Le altre date di "Incroci Sonori" prevedono, spalmate in tre serate (in parte ancora da definire!), le esibizioni, venerdì 13 aprile, di "6 in jazz – Tributo a Battisti" (Sandro Deidda al sax, Guglielmo Guglielmi al pianoforte e tastiere, Aldo Vigorito al contrabbasso, Alessandro Castiglione alla chitarra, Pierpaolo Bisogno al vibrafono, percussioni e vibrandoneon, Giuseppe La Pusata alla batteria) col loro progetto prodotto da Itinera, l'etichetta di Pomigliano Jazz; a fine aprile Daniele Scannapieco Quintet con Walter Ricci voce e Fabrizio Bosso alla tromba (che presenteranno estratti dal loro nuovo lavoro), mentre è ancora da confermare l’appuntamento di chiusura che si terrà nel mese di maggio.

 

Victoriano
Papa